Quotidiano Nazionale logo
25 apr 2022

"Al Centro per le famiglie i più piccoli si sentono a casa loro"

"Finora seguiamo sette mamme e otto bambini fino a cinque annni, ma riceviamo nuove richieste ogni giorno"

Mamme e bambini in età pre scolare accolti al Centro per le famiglie
Mamme e bambini in età pre scolare accolti al Centro per le famiglie
Mamme e bambini in età pre scolare accolti al Centro per le famiglie

Claudia Piancastelli, responsabile Area minori e famiglie Asp e coordinatrice del Centro per le Famiglie, quanti bambini e famiglie ucraine seguite?

"Al momento, 7 mamme ucraine e 8 bambini, anche se riceviamo telefonate ogni giorno. Grazie al passaparola, molte persone vengono a conoscenza dei servizi e ci contattano. Altre 4 mamme con 6 bimbe arriveranno già dalla prossima settimana".

Che età hanno i bambini che ospitate?

"Da uno a cinque anni. Organizziamo spazi di incontro e di gioco per bimbi che ancora non frequentano il nido e non vivono nella quotidianità l’esperienza dei servizi legati alla prima infanzia".

Che servizi offrite?

"Nelle mattinate di lunedì, martedì e venerdì i bambini con le mamme vengono accompagnati al centro grazie al servizio di trasporto di Auser. Nei nostri locali trascorrono un tempo di buone relazioni e di incontri e fanno esperienze diversificate". Di che tipo?

"Momenti di gioco libero, letture ad alta voce, esperienze educative con laboratori. Quando è possibile anche attività all’aperto in giardino. A Pasqua, per esempio, abbiamo organizzato una caccia alle uova".

Come stanno vivendo i bambini questo momento?

"Vediamo arrivare bimbi che non hanno mai vissuto luoghi diversi rispetto a quelli che conoscono, quindi hanno uno sguardo curioso. Ormai, però, si sentono a casa loro: arrivano, si tolgono il giubbotto e hanno la piena conoscenza degli spazi, dei momenti di gioco o di merenda".

E le mamme?

"Cercano un po’ di sana leggerezza per i loro bimbi. Poi è chiaro che i loro volti sono carichi di preoccupazioni e di pensieri. Non abbiamo la pretesa di cancellare quello che stanno vivendo, ma di supportarle ed essere al loro fianco".

Che programmi offrite ai ragazzi più grandi?

"Ci siamo occupati di una mappatura delle realtà associative del territorio che possono offrire sia attività sportive che di supporto e aiuto compiti, soprattutto nelle fasce pomeridiane".

Cristina Gennari

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?