Quotidiano Nazionale logo
21 apr 2022

Biguzzi: "Via Roversano, la chicane va tolta"

"L’assessore non è stato in grado di dire se negli ultimi anni ci siano stati incidenti e quante contravvenzioni sono state fatte"

paolo morelli
Cronaca

di Paolo Morelli

Fabio Biguzzi, consigliere comunale eletto nelle liste della Lega, è stato il più sollecito a chiedere chiarimenti alla giunta guidata dal sindaco Enzo Lattuca sulle due ‘chicane’ collocate in via Roversano. E poi si è lamentato perché la risposta del vicesindaco (con delega ai lavori pubblici) Christian Castorri è stata vaga e lacunosa.

"Sì – conferma – è stata vaga perché ha fatto riferimento a raccolte di firme anche di dieci anni fa senza dare alcuna specificazione, ed è stata lacunosa perché non ha risposto alla richiesta di sapere quanti incidenti si erano verificati e quante contravvenzioni per velocità elevata fossero state effettuate nel tratto di via Roversano dove ora ci sono le ‘chicane’".

Adesso però sappiamo che nel primo mese di presenza delle ‘chicane’ c’è già stato un incidente...

"Mi dispiace molto dell’accaduto. Sono contento che non vi siano state gravi conseguenze, ma il mio pensiero va alle persone della Fiat Punto che sono rimaste intrappolate a lungo nell’auto e al disagio subito da chi è arrivato successivamente. Spiace essere stato un ‘cattivo profeta’, ma non ero il solo: a centinaia sui social lo avevano previsto".

Perché ha preso a cuore la vicenda di via Roversano?

"Perché conosco bene quel tratto di strada che utilizzo frequentemente, e perché ho ricevuto molte segnalazioni da parte di cesenati infuriati. Per lavoro ho sempre viaggiato molto in auto, in Italia e all’estero, e ho visto tante chicane artificiali, ma non mi è mai capitato di vederle in strade con le caratteristiche di via Roversano".

I residenti lamentano problemi di sicurezza per la velocità elevata in quel tratto di strada. Lei che soluzioni avrebbe adottato?

"Ben vengano le segnalazioni dei cittadini, strumento indispensabile all’Amministrazione per conoscere i problemi. Ma credo che prima d’intervenire in modo così invasivo, l’Amministrazione aveva il dovere di verificare attentamente la situazione, comprendendone in modo preciso l’entità per poi decidere se intervenire strutturalmente oppure se possa bastare un semplice e mirato lavoro da parte della polizia municipale con senzioni ai trasgressori. Trovo assurdo che per colpire un imprecisato numero di trasgressori si colpiscano tutti gli utenti".

Quindi cosa farebbe?

"La chicane non è il mio dissuasore preferito, ma non ne faccio una questione di gusto personale bensì di sicurezza stradale. In poche settimane abbiamo già avuto un incidente e diverse segnalazioni di episodi rischiosi. Per questo spero che venga rimossa al più presto e porterò nuovamente la questione in Consiglio comunale nella speranza di trovare maggiore disponibilità a un confronto nell’interesse di tutti".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?