LUCA RAVAGLIA
Cronaca

Cesena, Corazza fuori tre turni. Via al ricorso. Il bomber però giocherà in Coppa con la Vis

Questa sera all’Orogel Stadium è previsto il primo di due match ravvicinati con Pesaro, prossimo avversario anche in campionato

Un minuto e mezzo di gioco e 359 minuti fuori dal campo. Rischia di costare carissima l’espulsione rimediata da Simone Corazza nella gara di domenica a Gubbio: l’attaccante si era visto sventolare in faccia il cartellino rosso dopo appena un sussurro dall’inizio della partita per un fallo attribuitogli lontano dalla palla, quando era entrato in contatto con Signorini (peraltro nemmeno lui andato tanto per il sottile), attanagliandosi tanto da attirare l’attenzione del quarto uomo, che ha poi suggerito il da farsi all’arbitro.

Ieri poi è arrivata l’ennesima doccia galeata: il giudice sportivo ha infatti fermato Corazza per le prossime tre gare di campionato in relazione al gesto compiuto in Umbria, giudicato nell’ambito della condotta violenta. Tre giornate di stop, che vanno ad aggiungersi alla gara di Gubbio giocata praticamente per intero con un uomo in meno, sono davvero tante e potrebbero rappresentare un serissimo problema per l’organizzazione del reparto offensivo del Cavalluccio. Il club proverà a correre ai ripari, facendo ricorso.

Anche se la notizia è arrivata nel pomeriggio, il ‘caso Corazza’ è stato trattato anche nella conferenza stampa di fine mattina dedicata al match di Coppa Italia in programma questa sera all’Orogel Stadium Dino Manuzzi. Durante il quale, tanto per restare in tema, Corazza avrà in ogni caso la possibilità di giocare. "La rabbia per la decisione presa in campo c’è stata – ha ammesso mister Domenico Toscano – Avrei capito se fossimo arrivati magari al 50’ di una partita maschia nella quale il quarto uomo, per contribuire a tenere a bada gli animi, fosse intervenuto in tal senso. Ma la situazione di domenica era ben diversa. Si è compromessa una partita, tanto più che poi anche alcuni giocatori del Gubbio avrebbero potuto essere redarguiti in maniera diversa. Ma ormai è andata e in ogni caso sono molto soddisfatto della prestazione. Sono certo che quella appena disputata ci servirà tanto nel nostro cammino di crescita, che è sempre più evidente".

La crescita deve passare anche dall’impegno di Coppa di oggi nel quale la squadra debutterà con la terza maglia, dedicata alla Curva Mare: "Sarà l’occasione giusta per i tanti ragazzi che in allenamento stanno dando tantissimo, per dimostrare anche in campo il loro lavoro. Intendiamoci, la Coppa Italia non si snobba, serve a radicare la mentalità del ‘vincere aiuta a vincere’. Avremo di fronte una squadra come il Pesaro (che si rivedrà sempre all’Orogel Stadium anche domenica, in campionato, ndr) che ha trovato la sua quadratura, come dimostrano i recenti risultati. Siamo in un girone livellato verso l’alto nel quale ogni squadra può creare problemi".