Romina Valenti dell’agenzia Giramondo di Cesenatico
Romina Valenti dell’agenzia Giramondo di Cesenatico

Cesena, 1 aprile 2021 - Tutto esaurito sui tre voli Milano-Malpensa destinazione isole Canarie previsti per Pasqua: tra i passeggeri a bordo ci saranno anche dei cesenati. Necessario un tampone almeno 72 ore prima della partenza e uno a carico delle strutture alberghiere prima del rientro, poi comunque si dovrà osservare una quarantena di 5 (Unione europea) o 15 giorni (Extra Ue). Va bene tutto, purché si parta.

Il punto Nuovo decreto Draghi oggi: scuole, spostamenti e ristoranti. La bozza in Pdf

«I voli per andare a Fuerteventura e Tenerife, – dice Luca Manuzzi dell’agenzia Viaggi Manuzzi – dimostrano che la gente ha tanta voglia di viaggiare e rappresentano un segnale di ripartenza". La novità è l’autorizzazione da parte del Ministero dell’Interno per gli spostamenti da casa all’aeroporto anche da zona arancione e zona rossa per ragioni di turismo. Ma ieri il ministro Speranza, in seguito alle polemiche nate dal via libera alle vacanze pasquali all’estero, ha firmato una nuova ordinanza che stabilisce che i viaggiatori dovranno rispettare una quarantena, una volta rientrati in Italia.

Il focus Coronavirus, il bollettino dell'Emilia Romagna

«Non so come reagiranno i clienti cesenati e se decideranno di cancellare il viaggio per non dover sottoporsi alla quarantena obbligatoria – spiega Luca Manuzzi -. Purtroppo il nostro sistema di turismo in Italia è frammentato e in contraddizione con gli stessi attori della filiera medesima, per cui diventa difficile seguire un filo logico".

Nessuna guerra tra albergatori e agenzie viaggi: "Io non ho niente contro gli alberghi italiani – chiarisce Manuzzi –. Questo era solo un tentativo di rialzare la testa dal ‘buco’". Gli obblighi? Affrontabili. "I viaggi non devono essere più ancorati a vecchi modelli, bisogna muoversi in sicurezza, rilanciando magari i viaggi di prossimità, riscoprire la natura, e l’ambiente. Non ci si può fare la guerra all’interno della filiera perché siamo tutti nella stessa barca: quello che è stato fatto dal nostro governo è estremamente contradditorio. Era stato fatto un corridoio di sicurezza per le Canarie perché le persone quest’anno con l’arrivo della primavera sentono l’esigenza di stare assieme, di riprendere quelle belle abitudini che avevamo con i nostri simili".

Pare però una contraddizione che non ci si possa spostare per regioni o comuni e ci si possa spostare all’estero. «Dovrebbero decidere di far fare i tamponi anche per muoversi da regione a regione – spiega Romina Valenti dell’agenzia Giramondo di Cesenatico – . L’Alpitour garantisce tamponi gratuiti per le Canarie con offerte di viaggi di una settimana nei resort a 800 euro all inclusive: con colazione, pranzo, bevande e cena servite. Si sta nelle aree protette, dove tutti sono ‘tamponati’, con assicurazione anticovid inclusa. All’albergatore italiano non viene a mancare niente, perché come noi possiamo andare all’estero, i tedeschi, ad esempio, possano venire in Italia. Certo, ora con la quarantena obbligatoria sarà un problema: una coppia ha prenotato per il fine settimana a Madrid e non so se partirà lo stesso".