Quotidiano Nazionale logo
6 mar 2022

"Cuba e Marocco: due stati, un ritmo comune"

Stasera al Bonci c’è ‘Marocuba’, la pianista Marialy Pacheco e il percussionista Rhani Krija insieme sul palco

filippo aletti
Cronaca
Marialy Pacheco e Rhani Krija hanno suonato insieme la prima volta in Germania
Marialy Pacheco e Rhani Krija hanno suonato insieme la prima volta in Germania
Marialy Pacheco e Rhani Krija hanno suonato insieme la prima volta in Germania

di Filippo Aletti Cuba e Marocco si uniscono nello spettacolo che due jazzisti di fama internazionale, Marialy Pacheco e Rhani Krija, porteranno in scena al Bonci stasera alle 21. Lo show, dal titolo ‘Marocuba’, unisce due tradizioni musicali in una particolare miscela di jazz e groove dotata di grande tecnica e ritmo. Marialy Pacheco è nota per essere stata la prima donna a vincere il ‘Montreaux jazzfestival award’, mentre Rhani Krija è un percussionista che ha collaborato con artisti come Prince, Sting e Annie Lennox. Pacheco, cosa unisce Cuba al Marocco? "Rhani ed io siamo uniti dalla nostra origine africana, che si riflette nel nostro senso del ritmo. La nostra musica è divertente, non è un mix di sonorità scelte a tavolino, è qualcosa di naturale e originale, difficile da spiegare". Che show farete al Bonci? "Io suonerò il piano, mentre Rhani si occuperà di tante percussioni diverse, ognuna dotata di grande carattere. Sarà uno spettacolo energico: il piano è rendere il pubblico parte dell’esibizione, così che possa cogliere il legame tra noi musicisti". Come vi siete incontrati? "Una decina di anni fa ero in tour in Germania. In quel periodo stavo registrando in studio una serie di nuovi brani e volevo produrre qualcosa assieme ad un percussionista. Il mio manager mi suggerì il nome di Rhani, che all’epoca viveva a Colonia. Da lì è nata la nostra avventura". Che rapporto avete? "Sono una persona molto spirituale, perciò credo che in una vita passata forse siamo stati fratelli. La nostra amicizia è qualcosa di unico, mi sembra di conoscerlo da una vita. In più è un percussionista eccezionale, il suo curriculum parla per lui". Cosa le piace del musica jazz? "La libertà. Grazie a mio padre ho iniziato sin da piccola a studiare il piano in conservatorio, poi però ho sentito la necessità di creare qualcosa di diverso, qualcosa di ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?