FdI: "Quella croce sul monte non andava rimossa"

Tolta dai proprietari dal terreno di Castelvecchio "Simbolo cristiano prezioso".

FdI: "Quella croce sul monte non andava rimossa"

FdI: "Quella croce sul monte non andava rimossa"

Sulla vicenda dello smantellamento, effettuato nei giorni scorsi da parte dei nuovi eredi, della grande croce che svettava su Castelvecchio, il monte nei pressi di Montecoronaro, interviene Marco Bardeschi, coordinatore comunale di Fratelli d’Italia che dice: "La Croce di Castelvecchio era un simbolo per tanti, per chi aveva contribuito a realizzarla, per chi in questo luogo si riuniva in preghiera, per chi la vedeva come un punto di riferimento durante le camminate. Dal 2009 era diventata prima di tutto elemento caratterizzante il paesaggio, ma poi anche una sorta di luogo di ritrovo. Siamo molto dispiaciuti per la sua rimozione, questo simbolo andava difeso, ma sorgendo su un terreno privato per forza di cose la decisione finale ricadeva sugli attuali proprietari".

Prosegue poi: "La Pro loco e diversi cittadini avevano dato la loro disponibilità a prendersene cura. Abramo Moretti, il vecchio proprietario, aveva dato il consenso di installare questa croce, contribuendo in prima persona alla sua realizzazione ma gli eredi non hanno confermato la sua volontà. Ed è un peccato, visto che i simboli cristiani sono sotto attacco in tutto il mondo: almeno qui sarebbe stato bello continuare ad avere questa croce. Un simbolo per i fedeli che era nel cuore di tutti i frequentatori della nostra montagna".

gi. mo.