I carabinieri della compagnia di Cesenatico
I carabinieri della compagnia di Cesenatico
Sedici minorenni venerdì scorso alle 21 nella nuova zona artigianale di Ponte Ospedaletto di Longiano si divertivano a gareggiare in strada con i motorini per dimostrare chi fosse il più veloce e chi possedesse il mezzo più potente. Una gara tutta puntata sulla forza, sulla abilità e sulla potenza per sentirsi superiori con manovre pericolose e impennate. Il fatto però non è passato inosservato anche se la zona a...

Sedici minorenni venerdì scorso alle 21 nella nuova zona artigianale di Ponte Ospedaletto di Longiano si divertivano a gareggiare in strada con i motorini per dimostrare chi fosse il più veloce e chi possedesse il mezzo più potente. Una gara tutta puntata sulla forza, sulla abilità e sulla potenza per sentirsi superiori con manovre pericolose e impennate. Il fatto però non è passato inosservato anche se la zona a quell’ora, con le aziende chiuse, è poco frequentata.

Infatti quello che stava accadendo è stato segnalato ai carabinieri da alcuni cittadini infastiditi dal rumore assordante, ma anche dalla paura che i ragazzini potessero cadere, insomma farsi del male.

Sul posto è arrivata immediatamente una pattuglia dei carabinieri di Longiano che ha constatato come non si trattasse di corse clandestine con relativo giro di scommesse come è accaduto in altre località in passato. Nulla di tutto questo quindi, i ragazzini volevano assolutamente dimostrare chi fosse tra loro il più forte con manovre però pericolose e soprattutto in eccesso di velocità. I carabinieri hanno identificato tutti i giovanissimi, ci sono state contestazioni amministrative per violazione alle prescrizioni imposte dal codice della strada e per violazione del dpcm per il contenimento dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.

In particolare i carabinieri hanno accertato che cinque dei minorenni si trovavano fuori comune, provenivano infatti da San Mauro Pascoli e da Savignano sul Rubicone.

Essendo la nostra zona arancione hanno violato il divieto di uscire dal comune di residenza senza un valido motivo. Per loro cinque è scattata una sanzione di 400 euro che può essere ridotta come prevede le disposizioni di legge a 280 euro se pagati entro cinque giorni. Gli altri ragazzini sono residenti nel territorio del Comune di Longiano. Poi i minorenni sono stati redarguiti in quanto non potevano stare sulla strada e dare vita a queste gare soprattutto perchè si tratta di suolo pubblico e quindi pericoloso perchè transitato da mezzi. Oltre naturalmente al pericolo che può nascere da questo tipo di corse.