Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
11 giu 2022

"I tatuaggi sono la mia vera identità"

Sara Usberti, tatuatrice di 38 anni, solo sul viso pochi centrimetri di pelle liberi dai segni. "Il ‘total body’ per me è stata una terapia"

11 giu 2022
elide giordani
Cronaca
featured image
La donna tatuata
featured image
La donna tatuata

Cesena, 11 giugno 2022 - Bisogna andare oltre la curiosità un po’ morbosa che ispira un corpo così manipolato per capire quella che può sembrare solo una bizzarria. E si scopre che Sara Swati Usberti, cesenate, 38 anni, laurea in materie letterarie, un passato da docente, non è solo una persona che ha conservato pochi centimetri di pelle liberi da tatuaggi: ha una visione dei segni indelebili sulla pelle che vale la pena di ascoltare. Sara, ci spieghi perché non ha concesso al suo corpo che pochi centimetri di pelle non tatuata. "Il percorso verso il total body è stato una sorta di terapia, di riacquisizione del mio corpo. Non mi sono mai piaciuta". Si piace ora? "Piacersi è un concetto impegnativo. Ma questa sono io, non mi accorgo quasi più dei miei tatuaggi. Ho iniziato nel 1997 e oggi ho finalmente una consapevolezza diversa del mio corpo. Alcuni tatuaggi sono stati coperti dal nero, ed ho fino a 5 sovapposizioni. Avevo troppi colori e non mi riconoscevo più, c’è stata una evoluzione verso il nero e il tribale, più vicino alla mia natura. Credo di avere dei legami con l’Africa, ho sentito delle vibrazioni forti riportando quei segni, soprattutto quelli sul volto". Cos’è che è rimasto senza tatuaggi? "Nulla, solo quello che si vede del viso". Ma lei, sotto ai tatuaggi, vuole nascondersi? "E’ quello che dice mia madre, in realtà ho reso il mio corpo un manifesto. Prima ero ipertimida e ho anche sofferto di bullismo, di anoressia e di una sensibilità abnorme, ricreare la mia immagine mi ha aiutata molto". Cosa prova quando cattura inevitabilmente gli sguardi? "Sono in imbarazzo. Penso che mi guardino più per le dimensioni del mio fondoschiena che per i tatuaggi che, infine, sono un tentativo di deviare gli sguardi". Quanto dolore? "Tanto. ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?