Mercato Saraceno, 2 settembre 2018 - Un appartamento è andato a fuoco, per cause ancora al vaglio dei vigili del fuoco (dovrebbe essere escluso il corto circuito, probabile sia stata lasciata accesa una sigaretta), alle 18 di ieri in pieno centro a Mercato Saraceno. Sei le famiglie evacuate, sette persone in tutto. Due appartamenti inagibili, quello dove si è sviluppato il fuoco e quello sopra per problemi ai sostegni del solaio. Gli altri sono stati evacuati per motivi di salubrità. E’ rimasto intossicato e portato al Bufalini l’unico occupante dell’abitazione da dove è partito l’incendio: Gabriele Cappelli, 53 anni, le sue condizioni non sono preoccupanti. E’ accaduto in una palazzina in via Garibaldi 5 conosciuta come l’ex caserma dei carabinieri dove a seguito di ristrutturazione sono stati ricavati sei appartamenti.

I Vigili del fuoco hanno lavorato fino a tarda ora, sono arrivati da Forlì, Cesena e Bagno con l’autoscala e l’autobotte. Tra le cause dell’incendio viene valutata fortemente l’ipotesi della sigaretta lasciata accesa vicino a materiale infiammabile da parte del proprietario trovato in stato confusionale ma cosciente. Poco prima delle 18 un fumo nero dall’odore acre (che si sentiva anche a molta distanza) fuoriusciva dalla finestra dell’appartamento di Gabriele Cappelli. Dalla vicinissima piazza Mazzini due giovani, con prontezza di spirito, sono subito saliti, hanno sfondato la porta dell’appartamento trovando l’uomo in stato confusionale, annerito dal fumo e che tossiva ininterrottamente. Sul posto poi il 118. Dopo un sopralluogo effettuato sull’intera struttura che ha subito danni ai solai, i vigili del fuoco hanno deciso di evacuare le sei famiglie in totale 7 persone che hanno trovato sistemazione presso parenti e in un agriturismo.