Quotidiano Nazionale logo
7 mag 2022

La carica dei 101mila metri cubi di sabbia

Partito il maxi intervento di ripascimento sulle spiagge di Ponente, Valverde e Villamarina: la Regione investe 22 milioni di euro

L’intervento di ripascimento sulla spiaggia di Cesenatico
L’intervento di ripascimento sulla spiaggia di Cesenatico
L’intervento di ripascimento sulla spiaggia di Cesenatico

A Cesenatico il mese di maggio è iniziato con i lavori del cosiddetto "Progettone", che in questo spicchio di riviera romagnola porterà circa 101mila metri cubi di sabbia per eseguire un piano di ripascimento straordinario realizzato dalla regione Emilia Romagna, che prevede di estrarre in alto mare oltre un milione di metri cubi di sabbia. Occhio ai cartelli, perché c’è un’ordinanza che vieta il transito e la balneazione sull’arenile di Ponente, nella zona delle colonie, dove sarà concentrato buona parte dell’intervento, utilizzando delle grosse condutture d’acciaio del diametro di un metro. I tir e le maestranze della Società Italiana Dragaggi sono già all’opera, per approntare un cantiere in grado di ospitare gli ingenti quantitativi di sabbia che sarà aspirata a parecchie miglia di distanza dalla costa, dove sono stati individuati dei banchi a 25 metri di profondità. Le condotte avranno una lunghezza di circa due chilometri e saranno attraversate dalla sabbia mista ad acqua marina, che dovrà essere stoccata e distribuita sull’arenile di Cesenatico.

A Ponente saranno impiegati 84mila metri cubi di sabbia, per ricostruire la spiaggia nella zona nord della città, in uno dei punti maggiormente soggetti a fenomeni di erosione costiera e ingressione marina. L’arenile di fatto sarà rifatto e risagomato, con l’obiettivo di renderlo più resistente e anche maggiormente fruibile ai bagnanti. I restanti 17mila metri cubi di sabbia saranno invece caricati su dei grossi tir e trasportati a Valverde e Villamarina, altre due zone dove la furia del mare spesso fa dei danni notevoli, entrando negli stabilimenti e arrivando sovente anche in viale Carducci. Per questo motivo, anche alla luce degli ultimi danni causati dalle mareggiate, gli operatori balneari chiedevano di poter avere più materiale.

In questo progetto la Regione investe 22 milioni di euro per reperire e distribuire 1,1 milioni di metri cubi di sabbia, quindi l’intervento nella sola spiaggia di Cesenatico interamente sostenuto dalla regione, ha un valore superiore a 2 milioni di euro, calcolando in circa 20 euro al metro cubo il costo della sabbia. A distanza di sei anni (il "Progettone 3" venne realizzato nel 2016 e gli altri due interventi eccezionali in precedenza furono eseguiti nel 2007 e nel 2002), la regione torna ad investire per allungare le spiagge e soprattutto proteggere i punti più critici, dove l’erosione ha causato molti danni. Questa primavera si lavora dai Lidi di Ravenna a Misano Adriatico. In autunno la regione interverrà a nord di Porto Garibaldi, lungo i Lidi Nord Ferraresi, dove tuttavia si procederà con materiali prelevati non off-shore, ma dalla spiaggia emersa e dai fondali prospicienti Lido degli Estensi.

Giacomo Mascellani

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?