Mamma Emanuela attraversa a nuoto lo stretto di Messina

L’impresa della 47enne che martedì ha impiegato poco più di un’ora per coprire i 3 km e mezzo che separano le due coste

Mamma Emanuela attraversa a nuoto lo stretto di Messina

Mamma Emanuela attraversa a nuoto lo stretto di Messina

Una mamma di Gambettola ha compiuto l’impresa della traversata a nuoto dello stretto di Messina. Emanuela Bonoli, 47 anni, impiegata in una azienda e mamma di Tommaso di 17, lo scorso inverno ha maturato l’idea e ha iniziato ad allenarsi, prima in piscina e poi anche in mare, a volte anche con temperature non proprio gradevoli. E va aggiunto che Emanuela non è una atleta di professione e neppure una nuotatrice dilettante. Emanuela è dotata di una ferrea volontà e voglia di fare, così si è allenata per bene e ha fatto una prima esperienza sulle lunghe distanze (2 Km) in una recente manifestazione sportiva organizzata a Cattolica. Per partecipare alla traversata dello Stretto di Messina si è affidata alla Cooperativa Colapesce che organizza appunto attraversate a nuoto dello Stretto, e così martedì scorso alle 8 di mattina si è presentata sulla spiaggia di Torre Faro con cuffia e occhialini pronta per la partenza.

Sono partiti in 30, uomini e donne, giovani e adulti, seguiti a distanza dalle barche degli organizzatori e dagli amici con cellulari, macchine fotografiche e videocamere, per fissare le immagini della impresa. Lentamente, bracciata dopo bracciata, la costa calabra si avvicinava sempre più e quando è arrivata a Cannitello in Calabria l’orologio di Emanuela Bonoli ha segnato il tempo di un’ora e 5 minuti, per coprire la distanza di tre chilometri e mezzo che separano la costa messinese da quella calabra. "Sono molto contenta di essere riuscita a portare a termine la attraversata – ha detto Emanuela Bonoli – e questo grazie alla mia famiglia e a mio papà che è sportivo e ciclista di tante imprese, è lui mi che mi ha trasmesso la grinta e la voglia di fare".

Vincenzo D’Altri