Ostetricia, sala parto del Bufalini (foto d'archivio)
Ostetricia, sala parto del Bufalini (foto d'archivio)

Cesena, 20 febbraio 2020 - Un’altra tragedia si è consumata sabato scorso nel reparto di ostetricia dell’ospedale Bufalini. E’ raro ma è successo ancora che il lieto evento della nascita di un figlio atteso con trepidazione si sia trasformato in lutto, in questo caso la disgrazia ha colpito una coppia di origine straniera residente a Savignano sul Rubicone.

Una bimba è nata senza vita, non si sa se per una morte in utero e se per un decesso avvenuto poco dopo il parto. Di certo si sa che sulla vicenda c’è un’indagine della procura di Forlì affidata al pm Federica Messina. Sarà dunque la Procura, a cui sono stati inviati gli atti e i documenti relativi al caso, che la polizia ha acquisito, a decidere se effettuare o meno l’esame autoptico sul corpicino.

Sul fronte Asl bocche cucite anche se si può immaginare lo sconcerto e il dolore per un tipo di evento che non è mai del tutto scongiurato. Per conoscere i risultati della perizia autoptica, se il pm deciderà per tale strategia, occorre aspettare almeno 30 giorni con possibilità di proroga, dopo di che saranno più chiare le motivazioni che hanno portato la nascitura a non sopravvivere al travaglio e se a tale proposito ci siano state responsabilità attribuibili all’ospedale e al personale in servizio al momento del parto. Per ora non ci sono indagati.

Sono stati altri tre negli ultimi tre anni i casi di mamme che sono tornare a casa con le braccia vuote dall’Ospedale Bufalini a causa della perdita del nascituro. Per alcuni (in un caso erano stati emessi 7 avvisi di garanzia a carico di ostetriche e sanitari), i cui genitori hanno sporto denuncia, l’iter giudiziario è ancora in corso.

Tali eventi, com’è prevedibile, non hanno causato solo sofferenza nelle famiglie ma anche nel reparto di ostetricia del Bufalini dove al dolore si aggiunge la trepidazione per il responso della magistratura. In Italia sarebbero più di 2.000 i bimbi che muoiono ogni anno a termine gravidanza e più di mille quelli che muoiono subito dopo il parto. Significa che ogni giorno circa nove famiglie sono devastate dalla perdita di un figlio atteso. Sarebbero 50 invece, le donne che annualmente muoiono di parto nel nostro Paese.