Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Cesena, l’azienda Olidata rinasce dopo la crisi

Nei negozi arriva il nuovo notebook

Ultimo aggiornamento il 2 settembre 2018 alle 20:37
Un lavoratore di Olidata

Cesena, 3 settembre 2018 - Da giovedì prossimo il marchio Olidata tornerà sul mercato. Presso un migliaio di punti vendita Eurospin sarà infatti disponibile a circa 300 euro un notebook convertibile prodotto dall’azienda tedesca Medion che fa parte del Gruppo Lenovo e recentemente è entrata nell’azionariato Olidata. L’operazione comporterà un versamento a Olidata di una percentuale sulle vendite. Eurospin ha pubblicato su Youtube un video promozionale del computer OlidataIT.

Per l’azienda di Pievesestina ci sono buone notizie anche sul fronte finanziario: è stata esaurita rapidamente l’offerta in opzione di 1.650.152 azioni che si erano rese disponibili dopo l’esercizio del diritto di recesso da parte di alcuni soci in seguito alla decisione, approvata dall’assemblea degli azionisti, di revocare lo stato di liquidazione.

Con un comunicato diffuso venerdì scorso, dopo la chiusura delle borse (dal marzo 2016 la quotazione del titolo Olidata è sospesa a tempo indeterminato alla borsa di Milano e sono in corso le pratiche per la riammissione alle contrattazioni), la società ha comunicato che risulta acquistata la totalità del quantitativo offerto, con richieste complessive per 7.113.858 azioni, sia per effetto dell’esercizio dei diritti di opzione, sia per l’esercizio del diritto di prelazione.

"L’azionista di riferimento Le Fonti Capital Partners – ha comunicato il presidente di Olidata Riccardo Tassi – non ha esercitato i diritti ritenendo opportuno che tali titoli dovessero essere ripartiti fra gli azionisti che pazientemente hanno affiancato l’azienda e i sottoscrittori dell’ultimo aumento di capitale a pagamento al prezzo per ciascuna azione di euro 0,549".

Con questa operazione si conclude il complesso e articolato processo di uscita dallo stato di liquidazione che ha permesso a Olidata di maturare un capitale sociale interamente versato di euro 4.025.480.

Dopo aver portato a termine lo scorso mese di giugno, l’acquisizione del 100% di Italdata, azienda attiva nell’information technology, con una forte specializzazione nello sviluppo di servizi e soluzioni IoT (Internet of Things) in ambito smart cities e smart mobility, Olidata sta valutando altre operazioni al fine di consolidare le nuove attività che riguardano l’IoT, cioè il collegamento e il controllo da remoto di oggetti e sistemi di uso quotidiano.

A seguito dell’acquisizione della totalità del capitale azionario di Olidata, Federica Olivares (della società Redifin) e Edmondo Gnerre (di E-Tekne) sono saliti rispettivamente al 7,084% e al 6,567% del capitale di Olidata, mentre Le Fonti Capital Partner è sceso al 24,892% dal 29,87% che risultava nel 2014. Redifin ed E-Tekne erano azionisti di Italdata.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.