Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Cesena, nonna Renata è un mito. Operata a 111 anni

E’ la sesta donna più vecchia d’Italia. Fra un mese ne avrà 112

di DONATELLA BARBETTA
Ultimo aggiornamento il 8 settembre 2018 alle 09:25
Nonna Renata

Cesena, 8 settembre 2018 - Non è un record mondiale, ma forse ci siamo vicini. Non vi sarà capitato spesso (forse non vi sarà capitato mai) di leggere la notizia di una persona abbondantemente sopra i 100 anni finire sotto i ferri per un intervento chirurgico. A Cesena è proprio accaduto. All’ospedale Bufalini è stato infatti eseguito con successo un’operazione di chirurgia maxillo facciale piuttosto raro ed eccezionale vista l’età della paziente: ben 111 anni, fra un mese 112.

La signora, Renata Bianchi, classe 1906, cesenate, 111 anni compiuti, brinderà il prossimo 16 ottobre ai 112 (è la sesta donna in vita più vecchia d’Italia), è stata operata dal dottor Massimo Bassi e dal dottor Pier Renato Giacomini, chirurghi dell’equipè dell’Unità operativa di chirurgia maxillo facciale diretta dal dottor Angelo Campabassi, per l’asportazione di un carcinoma cutaneo sulla fronte che le aveva eroso la teca cranica provocando ulcere e sanguinamento dolorosi.

«Interventi di questo genere sono piuttosto frequenti ma diventano rari quando si effettuano su pazienti con una età così avanzata» spiega il dottor Campobassi che aggiunge: «Il buon esito dell’operazione, che ha comportato anche la ricostruzione dei tessuti, è stato possibile grazie alla preziosa collaborazione dei colleghi anestesisti dell’Unità operativa di anestesia e rianimazione e alle discrete condizioni generali di salute dell’anziana paziente che dopo un breve periodo di ricovero è stata dimessa».

Grande soddisfazione, quindi, per tutto il personale sanitario che a vario titolo ha prestato assistenza alla paziente e un segno di attenzione e di ottimismo nei confronti della popolazione anziana che vive nel nostro territorio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.