Quotidiano Nazionale logo
3 apr 2022

Ponte di viale Roma, in estate il progetto

Dopo la prima conferenza di servizi, ne sarà convocata una seconda per avere scelte condivise ed affidare i lavori tra l’autunno e l’inverno

Il ponte che collega il centro al mare deve essere completamente ristrutturato
Il ponte che collega il centro al mare deve essere completamente ristrutturato
Il ponte che collega il centro al mare deve essere completamente ristrutturato

di Giacomo Mascellani

Si stanno facendo passi avanti per il progetto di consolidamento del ponte di viale Roma, la cui struttura, risalente a ottanta anni fa, mostra evidenti segni di cedimento e pertanto deve essere ristrutturata e sistemata.

I tecnici del Comune hanno avviato una conferenza di servizi, coinvolgendo tutti gli Enti ed i gestori dei servizi interessati al ponte: reti fognarie bianche, tubazioni del gas, condotta porta acqua potabile, pubblica illuminazione che alimenta i lampioni, rete della telefonia fissa e fibra ottica riconducibile a vari gestori. Il progetto in questa prima fase interessa dunque l’Ufficio circondariale marittimo, la società Hera spa, 2G Rete gas, Telecom, Citelum, la Soprintendenza di Ravenna ed altri enti gestori.

Nella prima riunione della conferenza è emersa subito la necessità di trovare soluzioni per interventi meno impattanti e meno costosi sugli impianti, adottando un sistema che non danneggi gli impianti esistenti. Durante l’esecuzione dei lavori, che prevedono una parziale demolizione delle campate, è necessario prevedere lo spostamento provvisorio dei sottoservizi, che saranno successivamente ricollocati a lato del ponte, una volta concluso l’intervento di consolidamento strutturale. Per questo motivo è stata subito fissata un’altra conferenza di servizi, con l’obiettivo di adottare in tempi rapidi scelte condivise e il meno onerose possibile. L’obiettivo del resto è quello di arrivare in questa estate al progetto esecutivo, preparare il bando di gara e affidare i lavori tra l’autunno e l’inverno 2022-2023, assicurando ovviamente la viabilità veicolare sul ponte anche a senso unico alternato. Ricordiamo che la spesa complessiva prevista per eseguire i lavori ammonta a 1 milione, 418mila e 600 euro.

Per coprire tali costi, sono già a disposizione oltre 203mila euro, di cui 163.382 versati dai privati che hanno realizzato il progetto del nuovo palazzo sul lungomare Carducci angolo viale Roma prospiciente piazza Andrea Costa, in base ad un accordo pubblico e privato, secondo il quale la società doveva garantire tale somma per riqualificare il ponte; e 40mila euro che sono arrivati tramite un finanziamento dello Stato per l’esecuzione di opere strutturali.

Il Comune era dunque pronto a intervenire con 1,2 milioni previsti nel piano degli investimenti, ma fortunatamente nella prima tranche dei finanziamenti statali relativi al Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), ci sono ben 800mila euro per l’importante ponte di viale Roma. L’amministrazione dovrà così pagare soltanto 400mila euro, tuttavia nelle norme è scritto a chiare lettere che, per i finanziamenti superiori a 750mila euro, ci sono 15 mesi di tempo per l’affidamento dei lavori, diversamente si è destinati a perdere l’intera sovvenzione. Se da un lato quindi occorre fare tutti i passaggi in maniera ponderata, dall’altro c’è la necessità di dover velocizzare i tempi perché è impensabile per un comune medio-piccolo come Cesenatico, perdere 800mila euro che arrivano dallo Stato. Per questo motivo gli incontri si stanno intensificando perché tutto riesca a chiudersi nel miglior modo possibile. Saranno settimane e mesi importanti per un’opera determinante per la città, sia per la sua viabilità, sia da un punto di vista strutturale. Un intervento che sarà determinante anche per definire il modo di azione e di prontezza dell’attività dell’intera amministrazione.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?