Quotidiano Nazionale logo
9 mar 2022

Pronti ad accogliere gli studenti nelle classi

Labruzzo: "Alcuni di loro per ora seguono la dad dall’Ucraina". Ma le scuole avrsanno. un ruolo cruciale

francesca siroli
Cronaca
I bambini di Mercato Saraceno manifestano per la pace
I bambini di Mercato Saraceno manifestano per la pace
I bambini di Mercato Saraceno manifestano per la pace

di Francesca Siroli Per i piccoli profughi dell’Ucraina l’accoglienza passa soprattutto dalla scuola. L’Unione dei Comuni Valle Savio si sta coordinando anche su questo fronte, affinché ogni bambino e ragazzo in fuga dalla guerra possa proseguire il proprio percorso educativo. "Lo Sportello Sociale ha avviato un primo confronto con il settore Scuola per agevolare gli inserimenti dei minori, con il Settore Anagrafe in riferimento all’iscrizione temporanea e con il Servizio Stranieri per collaborare al reperimento di mediatori linguistici", informa il Comune di Cesena. In attesa di frequentare una nuova scuola per un periodo indefinitivo, "alcuni minori ucraini stanno svolgendo la didattica a distanza con le scuole del paese di origine", fa sapere Carmelina Labruzzo, assessora ai Servizi per le persone e le famiglie. Qualche giorno fa il Ministero dell’Istruzione ha diffuso le prime indicazioni sull’accoglienza degli esuli ucraini. Tra i punti chiave, quello di assicurare l’inserimento in Istituti vicini ai luoghi in cui i profughi troveranno asilo, cercando di non disperdere la rete di relazione dei nuclei familiari e di favorire il raccordo con le comunità ucraine inserite in Italia. Un’integrazione che non si limiterà alle sole ore di lezione: le scuole sono invitate a coinvolgere le famiglie favorendo momenti di socializzazione anche al di fuori dell’orario scolastico. Le risorse ministeriali ammontano a un milione di euro, utilizzabili anche per sostenere i costi dei mediatori linguistici e culturali che affiancheranno i docenti. Le scuole potranno inoltre fornire assistenza psicologia ad alunni e familiari tramite i fondi stanziati nella scorsa Legge di bilancio. Nei plessi cittadini non mancano le manifestazioni di solidarietà: chi fuori dai cancelli ha esposto messaggi di pace e bandiere arcobaleno, chi ha tenuto un minuto di silenzio per le vittime. Proprio le scuole possono rivestire un ruolo cruciale nel promuovere la concordia e il rispetto. Alla media ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?