Quotidiano Nazionale logo
25 mar 2022

Ricercatrice in ‘missione’ a Londra grazie alla campagna del Ccr

L’associazione giovani della banca ha animato una raccolta fondi per la preziosa esperienza

Giorgia Gurioli, ricercatrice dell’Irst ‘Dino Amadori’ di Meldola
Giorgia Gurioli, ricercatrice dell’Irst ‘Dino Amadori’ di Meldola
Giorgia Gurioli, ricercatrice dell’Irst ‘Dino Amadori’ di Meldola

Giorgia Gurioli, giovane ricercatrice dell’Irst ‘Dino Amadori’ domani partirà per uno stage altamente specialistico a Londra grazie alla campagna di crowdfunding realizzata dall’Associazione Giovani Credito Cooperativo Romagnolo sulla piattaforma ideaginger.it. L’iniziativa, nominata ‘Reniamo Insieme’, porterà la biologa del Laboratorio di Bioscienze a frequentare per due mesi i laboratori del prof. Gerhardt Attard, al Cancer Institute - University College of London. L’esperienza che la dottoressa Gurioli potrà cogliere, sarà preziosissima: l’Attard-Lab è un team multidisciplinare leader a livello mondiale nello studio della resistenza al trattamento dei tumori urologici avanzati. In particolare, la ricercatrice dell’Irst, oltre ad aprire nuove potenziali collaborazioni internazionali, approfondirà lo studio di biomarcatori prognostici e predittivi di risposta su biopsia liquida di pazienti affetti da tumore alla prostata, sviluppando competenze nell’utilizzo della tecnologia Ngs per lo sviluppo di un pannello (Pcf Select) di geni specifici per questo tipo di tumore. Un know-how che riproporrà una volta rientrata in Italia a favore dei pazienti dei nostri territori.

La campagna è stata avviata e sostenuta grazie a ‘Coltiviamo Buone Idee’, l’iniziativa con cui il Credito Cooperativo Romagnolo aiuta le realtà non profit romagnole a utilizzare il crowdfunding. L’obiettivo di raccolta fondi era di raggiungere quota 5.000 euro: un obiettivo brillantemente superato ad agosto 2020. Purtroppo, l’impatto del Covid non ha consentito alla Dr.ssa Gurioli di partire subito, costringendo a un lungo ritardo e ad una rimodulazione del progetto di studio, che si è indirizzato non più direttamente ai tumori del rene – studio che è comunque condotto presso Irst – ma sull’acquisizione di competenze in ambito di neoplasie alla prostata.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?