Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
26 mag 2022

Rilegno, un 2021 da record: +7,8% rispetto al 2020

E’ la più importante realtà italiana nel riciclo e nel recupero degli imballaggi. Un esempio in Europa

26 mag 2022
giacomo mascellani
Cronaca
L’intervento del presidente Nicola Semeraro durante l’assemblea
L’intervento del presidente Nicola Semeraro durante l’assemblea
L’intervento del presidente Nicola Semeraro durante l’assemblea
L’intervento del presidente Nicola Semeraro durante l’assemblea
L’intervento del presidente Nicola Semeraro durante l’assemblea
L’intervento del presidente Nicola Semeraro durante l’assemblea

di Giacomo Mascellani

Rilegno, la più importante realtà d’Italia nel riciclo e nel recupero degli imballaggi in legno, ha registrato il record nei quantitativi. Il consorzio di Cesenatico, nel 2021 ha raccolto 1 milione, 985mila e 251 tonnellate di legno, con un incremento del 7,83% sull’anno precedente e una percentuale del 64,75 nel riciclo degli imballaggi di legno, doppiando l’obiettivo dell’Unione Europea al 30% entro il 2030. Nell’assemblea al Grand Hotel Da Vinci, i soci hanno rinnovato il Cda (e le cariche sociali) che ha confermato il presidente Nicola Semeraro.

Quando è nata l’industria del recupero del legno?

"Trent’anni fa, quando per esportare prodotti ortofrutticoli la Germania ci chiese di smaltire le cassette di legno secondo il loro regolamento, così a Cesenatico venne creato un primo consorzio".

Dove recuperate il prodotto da riciclare?

"In tutta Italia abbiamo 394 piattaforme di raccolta e 1.944 consorziati, 12 aziende riciclatrici e 15 stabilimenti produttivi".

Quali imballaggi sono riciclati?

"Il pallet per riciclo rappresenta il 70%, le cassette di frutta e ortaggi il 10% e gli imballaggi industriali il 20%".

Come viene trasformato il legno riciclato?

"Il 95% diventa pannello truciolare per l’industria del mobile. È un know-how solo italiano, un nostro prodotto che all’estero cercano di copiare, perché il segreto è nel procedimento di pulizia del legno che è unico in Italia, grazie ad aziende specializzate nel recupero anche di altri scarti".

Oltre al prodotto riciclato, è consistente anche la quota di quello recuperato?

"Riutilizziamo imballaggi pari a 908mila tonnellate all’anno, pari a 70 milioni di pallet usati, ripristinati e reimmessi sul mercato".

Come si colloca l’Emilia Romagna in questo contesto?

"E’ la seconda regione che ricicla più legno dopo la Lombardia; qui nel 2021 ne sono stati raccolte 222.866 tonnellate, pari all’11,23% del totale in Italia".

Qual è il volume economico del legno riciclato?

"L’impatto è di 2 miliardi di euro, oltre 10mila posti di lavoro e un risparmio di anidride carbonica di quasi 2 milioni di tonnellate, che equivalgono a compensare un milione di veicoli".

In questo settore siete un esempio in tutta Europa

"Abbiamo sfruttato le nostre capacità nello sviluppare un progetto unico di economia circolare. La cassetta della frutta confezionata in Sicilia, viene utilizzata da chi produce mobili in Brianza e il legno ha così una seconda vita e diventa l’anta di un nostro mobile o il banco di una scuola".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?