Saber garanzia di qualità, Francesconi poco incisivo

Pisseri e Pieraccini si distinguono nella difesa del Cesena, mentre Saber si fa notare per il suo impegno in campo. Il Cesena vince grazie a un'autorete dell'Arezzo.

Saber garanzia di qualità, Francesconi poco incisivo

Saber garanzia di qualità, Francesconi poco incisivo

Pisseri 6,5: Sbroglia in uscita una potenziale azione pericolosa, unica chiamata del primo tempo. Nella ripresa l’Arezzo preme, ma tira solo al 95’, la traversa lo salva.

Pieraccini 6,5: La velocità di Gaddini lo costringe agli straordinari, ma se la cava sempre. Sulle palle alte è una garanzia.

Prestia 6,5: Fase difensiva come sempre impeccabile, meno preciso in costruzione.

Piacentini 6: Non appariscente, ma efficace. Incrocia spesso i tacchetti con Guccione che è un bruttissimo cliente, non sempre ne esce vincitore. Ammonito, Toscano lo toglie.

Silvestri 6: Naso rotto in allenamento e in panchina per oltre un’ora. Non sembra al meglio, ma se la cava con il mestiere.

Adamo 6: Qualche guizzo interessante, ma non a livelli di altre apparizioni. Cerca il difficile anche quando il facile sarebbe opportuno. Utile quando c’è da coprire.

Pierozzi 6: Gestisce bene il finale di gara. Sbaglia il gol che poteva chiudere la gara.

Saber 7,5: Gara da uomo ovunque. Contrasta, imposta e non fa rimpiangere De Rose. Splendidi il recupero palla e l’apertura per Berti in occasione dell’autorete dei toscani.

Francesconi 5,5: I toscani sono bravi a metterla sulla bagarre e si lascia trascinare nel gioco. Poco incisivo in costruzione, meglio quando c’è da interdire.

Varone 6,5: Entra bello e pimpante. Aiuta Saber a mettere ordine in mezzo al campo.

Donnarumma 7: Donati lo segue ovunque, ma c’è una categoria che li separa. Mette in mezzo due palle deliziose che però nessuno raccoglie. Giustamente Toscano lo preserva per altre battaglie.

David 6: Entra quando il Cesena è costretto nella sua metà campo. Presidia la fascia senza sbavature.

Berti 7: Fa impazzire il contachilometri ed è ovunque ci sia bisogno. Si infila nel corridoio giusto nell’azione del gol partita, nella ripresa serve una palla deliziosa a Shpendi. Il ragazzo ormai è maturo.

Corazza 6: Si sacrifica per la causa. Primo tempo da trequartista speso più a pressare che a cercare la porta. In ripresa, copione simile.

Ogunseye 6,5: In campo a sorpresa risponde con una prova di grande generosità. Fa a sportellate con chiunque e da una sua difesa caparbia della palla parte l’azione del gol. Qualche difficoltà nella giocata di fino.

Shpendi 6,5: Entra mezz’ora e crea scompiglio tra gli amaranto.

Andrea Baraghini