Si rialzano gli argini dei corsi d’acqua a Piavola

Avviati dal Comune i lavori per la messa in sicurezza idraulica dopo l’alluvione. L’obiettivo è evitare le esondazioni del torrente Borello e del rio Mendra.

Si rialzano gli argini  dei corsi d’acqua a Piavola

Si rialzano gli argini dei corsi d’acqua a Piavola

È sotto i ferri Piavola, piccola frazione di Mercato Saraceno, è stata tra le più martoriate dalle frane del post alluvione. Il Comune di Mercato Saraceno sta conducendo i lavori per la messa in sicurezza idraulica dell’abitato di Piavola, promossi dalla Regione Emilia-Romagna, Settore Sicurezza territoriale e Protezione Civile Romagna.

"I lavori - spiega il Comune – prevedono la realizzazione di un argine-duna sulla sinistra idraulica del torrente Borello e il rialzo dell’argine sulla destra idraulica del rio Mendra per evitare il rischio di esondazione e l’allagamento delle abitazioni circostanti". Per eseguire i lavori in sicurezza e senza interferire con il traffico, il comune di Mercato Saracenoha disposto la chiusura della via Majorana in prossimità del guado, dalla mezzanotte di lunedì alla mezzanotte del 1° luglio, arco temporale durante il quale il guado non sarà accessibile.

Fino a oggi, inoltre, nella fascia oraria 7.30-12 e 13-190, chiusura temporanea al transito dei veicoli per il ripristino della carreggiata dalle frane presenti in via Romagna, nei pressi di Bacciolino. Le chiusure sono limitate solo ai tratti interessati da due interventi e non avverranno contemporaneamente, in modo da garantire l’accesso al centro abitato.

Il primo intervento prosegue nel ripristino della carreggiata nella zona della frana verso Ponte Giorgi prima del centro abitato con traffico per Bacciolino deviato verso Bora. Per il secondo intervento sulla frana lato Bora vicino all’incrocio per il cimitero il traffico per Bacciolino è deviato verso Ponte Giorgi.

re.ce.