Solidarietà in tavola Nel nome di Giordani

Cena a Casa Celincordia per ricordare l’ideatore del Festival del cibo di strada. Il ricavato andrà a favore dei cesenati danneggiati dall’alluvione .

Solidarietà in tavola  Nel nome di Giordani

Solidarietà in tavola Nel nome di Giordani

Scendono in campo tutti insieme come tante altre volte per ricordare un amico speciale. Un amico con una grande capacità di coagulare gli operatori della buona cucina intorno ai principi della qualità e della valorizzazione dei prodotti del territorio. E’ in memoria di Gianpiero Giordani, appassionato sostenitore e promotore delle iniziative che hanno creato intorno al cibo cultura e amicizia, scomparso quattro anni fa, anche la terza edizione della manifestazione "Il sapore dei ricordi", organizzata dal presidio Slow Food di Cesena che Giordani aveva contribuito a creare. Si tratta di una grande festa del palato e dei buoni prodotti locali programmata per martedì 11 luglio alle 20 a Casa Celincordia. L’occasione servirà anche per raccogliere fondi destinati alla città di Cesena, colpita dall’alluvione. Tanti i protagonisti della serata, tutti coinvolti per celebrare il tanto amato "buon cibo" a cui Gianpiero si è dedicato nelle molteplici attività ideate e organizzate. Ecco allora che l’appuntamento vedrà diverse situazioni, dal mondo delle osterie per cui Gianpiero è stato impegnato come Coordinatore regionale della Guida "Osterie d’Italia" di Slow Food Editore, al mondo della piadina che lo ha visto protagonista di un percorso di valorizzazione e di tante battaglie contro l’omologazione del cibo romagnolo per eccellenza. Presenti poi anche alcune delegazioni dell’ambito dello street food già presenti all’annuale Festival Internazionale del Cibo di Strada, di cui Giampiero fu appassionato promotore, fino anche al mondo del vino, grande passione che lo ha coinvolto in tante occasioni.

Sfileranno sui tavoli i cappelletti di Brodino di Cesena, il fritto di paranza della Saluma di Cesenatico, la panzanella dell’Osteria dei Frati di Roncofreddo, le polpettine di bovina dell’osteria La Campanara di Galeata, la pappa al pomodoro del Fondo di Cesena, poi la piadina di Marina Guidazzi di San Carlo di Cesena, il salume di mora romagnola di Del Vecchio, e lo squacquerone della Centrale del latte di Cesena. Per lo street food ci saranno rappresentanza di Sicilia, Messico, Abruzzo e Firenze. I vini sono delle cantine Tenuta Santa Lucia, Villa Venti e Noelia Ricci. Gelati e gin tonic per il dopo cena che si chiude con la musica, di "Laura e Carlo evergreen". La cena evento è aperta a tutti e la quota di partecipazione è di 60 euro a persona (20 euro per ragazzi fino ai 14 anni). La prenotazione è obbligatoria entro il 7 luglio (tel. 339.7517793 - cesena@network.slowfood.it).

e.g.