Il titolare Giuseppe Dalmo insieme a tre delle quattro dipendenti
Il titolare Giuseppe Dalmo insieme a tre delle quattro dipendenti

Savignano, 28 ottobre 2021 -  Aumenta la curiosità per individuare chi, dopo l’estrazione del Superenalotto martedì sera, con una giocata ‘Multistella’ da 7 euro e 50 centesimi ne ha vinto quasi 600mila. Proprietario e gestore del bar tabaccheria ‘L’Isola del Caffè’, dove è avvenuta la vincita, in piazza Falcone è Giuseppe Dalmo che ha aperto l’attività nel 2003.

Il punto Superenalotto oggi, centrato un 5+1 da 600mila euro a Savignano

Dalmo ha una idea chi possa essere il fortunato vincitore?
"Posso dire per certo che si tratta di una persona del posto in quanto il 95% della mia clientela risiede nel quartiere Cesare".

Potrebbe trattarsi di un giocatore abituale?
"E’ difficile da dire, sono tanti coloro che giocano il Multistella, costa poco"".

Ha ricevuto una telefonata di ringraziamento?
"No, è ancora presto. Quello che mi auguro è che se ne sia accorto e che comunque sia una persona che abbia necessità e che ora possa vivere tranquillamente".

A lei spetterà un compenso?

"No, di nessun tipo. Sulla vincita il cliente avrà una detrazione fiscale del 20% portandosi così a casa circa 480mila euro".

Ha avuto altre vincite al Superenalotto negli anni passati?
"Non più di mille euro. Invece al ‘Gratta e Vinci’ nel 2021 sono stati prima 10mila euro poi 5mila euro".

Sono aumentate le giocate nella giornata di ieri dopo la vincita?
"Sì, questo è l’unico guadagno che abbiamo noi titolari di ricevitorie".

Quale è il gioco che va per la maggiore?
"Il Superenalotto, seguito dal Lotto e poi il Gratta e Vinci. Avevamo avuto un calo, seppure con il locale aperto, durante il lockdown. Stiamo tornando piano piano ai livelli pre-Covid".

Giocano più donne o uomini?
"Le donne, soprattutto al 10 e al Lotto".

Cosa si aspetta dal vincitore o vincitrice?
"Non necessariamente denaro, ma un piccolo gesto. Magari un mazzo di fiori per le mie quattro dipendenti. Poi farebbe tanto piacere un grazie telefonico anche in forma anonima. Siamo tenuti al segreto professionale e anche se venissimo a saperlo non potremmo mai rivelarne il nome. Quello che mi preme però è non esaltare troppo la vincita in quanto non voglio che si ecceda nel gioco".