Safe surf jeep
Safe surf jeep

Bologna, 14 febbraio 2020 - La passione di una vita sta chiusa dentro al bagagliaio di un’auto. Pronta per essere gonfiata in riva al mare e lanciata sulle onde. E ora anche su tutti i mercati planetari, abbinata al marchio Jeep. Il surfista cesenate Alessandro Onofri e il cesenaticense Daniele Cimatti nel 2014 hanno creato proprio a Cesenatico l’azienda Safe, che produce e commercializza tavole da surf: da allora la loro attività ha decisamente cavalcato la cresta dell’onda, collezionando fatturati costantemente in crescita, in percentuali variabili dal 15 al 40%, fino alla svolta appena concretizzatasi: “Dopo 15 mesi di lavoro – spiegano Onofri e Cimatti – siamo riusciti a chiudere un accordo a livello internazionale col gruppo Fca Fiat Chrysler per la produzione in esclusiva di una tavola gonfiabile da sup col marchio Jeep affiancato a quello della nostra azienda“.

Il gruppo automobilistico ha infatti scelto Safe per realizzare una tavola che possa essere collocata all’interno del bagagliaio di qualunque modello di Jeep , evidentemente con la previsione di offrirla come dotazione opzionale alla vettura.

I rapporti commerciali saran no dunque con tutte le concessionarie, ma anche aperti al mercato tradizionale, dove il prodotto potrà essere venduto agli appassionati delle onde. Siamo onorati del fatto che la qualità del nostro lavoro e l’impegno profuso siano stati riconosciuti a un livello così alto, permettendoci di diffondere su scala globale una passione che può essere davvero per tutti “.

L’idea imprenditoriale di creare ‘Safe’ è venuta a Onofri, una bacheca piena di trofei di campione di surf collezionati tra l’Italia e l’estero: “La prima volta che vidi una tavola gonfiabile da sup surf (la disciplina che prevede l’utilizzo di un remo per spingersi tra le onde, ndr) mi resi subito conto che avrei potuto abbinare alla passione della mia vita anche un’attività imprenditoriale con ampie prospettive di crescita“.

Detto fatto , Onofri ha elaborato il progetto e lo ha presentato a Cimatti, con un passato da manager in un’azienda nautica: “Il nostro primo incontro è stato fondamentale – ricorda Cimatti–: Onofri aveva un’idea che mi è subito piaciuta e dopo esserci incontrati solamente due volte, abbiamo trasformato il progetto in realtà, aprendo un’azienda che ruotava attorno all’idea di creare un brand riconosciuto a livello mondiale e abbinato a prodotti di qualità e servizi curati ad hoc“.

Oggi i prodotti Safe sono distribuiti in quasi tutti i paesi europei e nell’arco di un triennio l’intento è quello di colonizzare anche i mercati degli Stati Uniti, dell’Australia della Nuova Zelanda. Dove le onde sono più alte, dove il surf è uno stile di vita e dove anche un marchio di Cesenatico avrà la sua da dire.