Quotidiano Nazionale logo
2 apr 2022

Tornano i ‘The Fire’, "Cesena? Siamo a casa"

La band di Olly Riva degli Shandon sarà stasera al Vidia "È una piccola reunion"

I The Fire, la band guidata da Olly Riva, frontman degli Shandon
I The Fire, la band guidata da Olly Riva, frontman degli Shandon
I The Fire, la band guidata da Olly Riva, frontman degli Shandon

Dopo sette anni di silenzio tornano dal vivo i ‘The Fire’, la rock band di Olly Riva, frontman dello storico gruppo punk ‘Shandon’. I The Fire si esibiranno stasera al Vidia, in una delle sole quattro date previste per questa reunion. La band ha recentemente pubblicato un ep intitolato ‘Madama Butterfly’. In apertura al gruppo si esibiranno due band locali, le ‘Smalltown tigers’ e i ‘Them bulls’. Dopo lo show si balla con i dj del Vidia.

Riva, come mai riunire il gruppo dopo sette anni?

"Durante il lockdown abbiamo riattivato la nostra chat che di solito usavamo solo per gli auguri. Tutti noi avevamo una voglia tremenda di tornare a suonare, da qui l’idea di un piccolo tour, che potesse incastrarsi con gli impegni di ognuno".

Visti i buoni rapporti, come mai vi siete sciolti?

"Fu per ragioni artistiche più che altro. Durante il nostro ultimo anno di attività non abbiamo ottenuto grandi risultati, il nostro genere non funzionava più, abbiamo detto basta".

Come definisce il vostro stile?

"Un rock alternativo, a metà tra punk e rock duro. Già nell’ultimo disco degli Shandon ci sono tracce di queste sonorità, una strada che volevo intraprendere con tutto me stesso".

E il disco?

"Non volevamo la classica reunion con un nuovo album, ma qualcosa di breve e significativo. Abbiamo deciso di ripubblicare questo breve disco di rarità, finito fuori catalogo.

Perché il Vidia e Cesena?

"Sono la nostra casa. Un posto in cui mi trovo benissimo".

Dopo la reunion cosa farà?

"Tornerò sui palchi sia con gli Shandon che con i ‘Magnetics’, con cui mi esibisco di più all’estero. Poi mi fermerò un po’".

Per registrare un disco?

"L’idea è quella. Mi piacerebbe produrre qualcosa da solista, magari in acustico, un viaggio musicale che ripercorre tutta la mia carriera. È solo un’idea buttata lì, ma ci sto pensando".

Filippo Aletti

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?