Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
20 giu 2022

Lavoratori stagionali agricoli: “Tante richieste, rischiamo di buttare via tutto”

"I giovani italiani non sono interessati, contiamo sugli stranieri ma le prefetture lavorano a rilento"

20 giu 2022
maddalena de franchis
Economia
Filippo Tramonti nella sua azienda di San Mauro Pascoli
Filippo Tramonti nella sua azienda di San Mauro Pascoli
Filippo Tramonti nella sua azienda di San Mauro Pascoli
Filippo Tramonti nella sua azienda di San Mauro Pascoli

"Chi sente di più il problema siamo proprio noi, produttori di ortaggi estivi: stretti tra la carenza di manodopera, da un lato, e le tempistiche imposte dalla grande distribuzione, dall’altro, rischiamo di buttare via il prodotto perché non troviamo nessuno disposto a raccoglierlo". È drammatico il racconto di Filippo Tramonti, titolare di un’azienda agricola biologica specializzata nella produzione di ortaggi a foglia e a bacca, su una superficie di 30 ettari, nelle campagne di San Mauro Pascoli. Tramonti, perché nessuno vuole lavorare nei campi? "Diciamoci la verità: i giovani italiani non sono più interessati a questo tipo di mansioni. È un lavoro molto duro, che il caldo record degli ultimi anni rende ancor più sgradito. Ci affidiamo agli stranieri, ma le Prefetture lavorano troppo a rilento per regolarizzare i nuovi ingressi. E i posti garantiti dal ‘decreto flussi’ sono insufficienti". Qual è la situazione nella sua azienda? "Rispetto a tanti miei colleghi posso dirmi fortunato: ho una squadra di sei ragazzi marocchini. Lavorano per me da anni: dopo la stagione, a novembre, rientrano in patria dalle loro famiglie e poi tornano qui l’anno successivo. Il lavoro c’è, se fossero in sette sarebbe meglio, ma, viste le attuali difficoltà nel trovare persone, mi accontento". C’è chi dà la colpa al cosiddetto ‘effetto superbonus’ e al boom dell’edilizia. "È vero, nell’edilizia l’offerta è molto ampia ora, ma nessuno sa quanto durerà. Subiamo la concorrenza di vari settori, dalla logistica alla grande distribuzione: lo stipendio è inferiore, ma almeno non si lavora per ore sotto il sole cocente". Ripristinare i voucher potrebbe essere una soluzione? "No. In questo momento non abbiamo bisogno di lavoratori a ore o di prestazioni saltuarie, anzi. Abbiamo bisogno di persone assunte a tempo determinato per l’intera stagione, adeguatamente formate e pronte a eseguire i lavori necessari. Non c’è ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?