Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Governo con M5S? Il Pd di Cesena vuole un referendum

La segreteria comunale preferisce stare all’opposizione, ma nell’eventualità dell’accordo chiede che sia consultata la base

Ultimo aggiornamento il 8 marzo 2018 alle 13:27
Il segretario comunale Pd Matteo Marchi

CESENA, 9 MARZO 2018 – «IL Pd deve mantenere fermo il proposito di restare all’opposizione, ma se il M5S dovesse formalizzare una proposta di collaborazione di governo al Pd, la cosa più utile e giusta da fare sarà un referendum fra gli iscritti, a cui spetta il diritto di esprimere la propria valutazione su una scelta di fondo che per il Pd rappresenta indubbiamente un bivio». Viene riportato in una nota della segreteria comunale del partito Democratico cesenate che si è riunita mercoledì sera nella sede di viale Bovio.

«Il referendum che proponiamo – spiega meglio il segretario comunale Matteo Marchi – dovrebbe essere indetto qualora il presidente della Repubblica affidasse il M5S il compito di formare il nuovo governo e il premier incaricato Di Maio chiedesse il sostegno del Pd sulla base di precisi punti programmatici da realizzare nel governo. Ecco la base dovrebbe esprimersi su quei punti programmatici per dire no o sì nel referendum all’alleanza con i Cinque Stelle». Fra le altre considerazioni emerse nella segreteria comunale dopo la sonora sconfitta elettorale il fatto che il PD deve ora ripensare alla propria identità e al proprio profilo. «Una legislatura all’opposizione - aggiunge la segreteria – servirebbe per ridefinire la propria presenza nella società».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.