Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Marchi (Pd): Governo con M5S? Si faccia un referendum tra gli iscritti

Il segretario comunale sostiene la linea del confronto ma chiede il coinvolgimento della base del partito

Ultimo aggiornamento il 26 aprile 2018 alle 16:15
Matteo Marchi

Cesena, 26 aprile 2018 – Il Partito democratico cesenate sposa la linea del segretario reggente Martina sul confronto aperto col Movimento 5 Stelle ma reclama un referendum tra glii scritti in caso di accordo di governo. Lo afferma una nota firmata dal segretario comunale Matteo Marchi che afferma «Bene dunque ha fatto il Segretario Martina ad affrontare a viso aperto questa prova di dialogo con il Movimento 5 Stelle: affermare infatti che sulla base del risultato elettorale il Pd si colloca all’opposizione non significa arroccarsi in una posizione di chiusura aprioristica ad ogni confronto, ma indica come la responsabilità della prima mossa spettasse ad altri. In questo Martina si è mosso nel modo giusto, resistendo peraltro alle pressioni di chi, da dentro il Pd, in modo forse infantile, preferisce rinchiudersi in sé stesso, smettendo così nei fatti di fare politica».

Marchi sottolinea poi i tre temi sui quali si deve articolare il confronto: lotta alla povertà, sostegno alle famiglie e lavoro. «Se, partendo da queste proposte, sarà possibile ottenere uno schema programmatico comune, il Pd dovrà decidere che posizione tenere: sostegno ad nuovo governo sì o no? E se sì, con un coinvolgimento diretto nell’esecutivo o attraverso un appoggio esterno?» prosegue il segretario Pd. Da Cesena si chiede che le decisioni non restino all’interno della direzione nazionale ma vengano allargate a tutto il partito con un referendum: «Sarebbe questa una prova forte di democrazia interna, grazie alla quale i gruppi dirigenti avrebbero alle spalle la forza per attuare gli indirizzi che la base del Partito ha scelto».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.