Manuel Senni
Manuel Senni

Sant’Angelo di Gatteo, 11 febbraio 2019 - Manuel Senni, 26 anni, ciclista professionista di Sala di Cesenatico, che corre per la Bardiani Csf, era presente alla festa della Fiumicinese per la presentazione della stagione ciclistica della società per l’anno 2019 e delle varie squadre. Per Manuel Senni è stata la prima uscita pubblica dopo l’incidente accaduto alla mattina di venerdì 1 febbraio nella rotonda di Villalta di Cesenatico. Lo ha travolto un’auto provocandogli la frattura scomposta dell’osso capitato e dello scafoide.

Senni, come sta ora?
“Mi hanno operato martedì 5 febbraio all’ospedale Bufalini e mi hanno inserito due viti. Ora ho un tutore post operazione e ho dovuto aspettare fino a oggi per mettere il gesso”.

Per quanto tempo dovrà portarlo?
“Circa un mese”

Nel frattempo resterà fermo?
“Posso solo andare in palestra e pedalare sui rulli. Nient’altro”.

Aveva il Giro d’Italia come obiettivo di stagione. Quando potrà tornare ad allenarsi su strada?
"Dopo che mi avranno tolto il gesso”.

E per le altre gare?
“Ancora è difficile dirlo. Mi piacerebbe essere pronto per la Coppi e Bartali a fine marzo, ma so già che è quasi impossibile. Spero e mi auguro che in aprile sia tutto a posto e possa tornare alle gare”.

Cosa le ha insegnato tutto questo?
“Ho avuto altri momenti difficili nella mia carriera. Dal 2017 sono in continua lotta per cercare di tornare ai livelli di prima e ancora non ci sono riuscito. Per adesso ho avuto solo dei grandi contrattempi. Però la voglia di tornare c’è, intatta, e io mi impegnerò al massimo”.

Lei ha anche un fan club. Quanti soci conta?
"Undici consiglieri e un centinaio di tesserati con presidente Vittorio Savini. Devo ringraziarli tutti perchè in questo brutto momento mi sono stati tutti molto vicini e stanno organizzando una festa in programma il 1 marzo per passare una serata insieme”.