Quotidiano Nazionale logo
27 apr 2022

Cesena, la salvezza non basta al presidente Magnani "Non sono contento, ma ripartiremo per fare bene"

Il primo dirigente è contento di Ardito ma guarda già alla prossima annata: "Speriamo di entrare nel club di C"

Grazie alle due vittorie consecutive conquistate da quando sulla panchina bianconera si è seduto Michele Ardito, il Cesena Femminile è salito a 30 punti mettendo al sicuro la salvezza, un obiettivo minimo considerando le ambizioni iniziali.

Presidente Massimo Magnani (nella foto) siete soddisfatti di questa stagione che sta finendo?

"Direi di no. Dopo che lo scorso anno, inatteso, abbiamo lottato con la Lazio e il Pomigliano per vincere il campionato, abbiamo rafforzato la squadra per ripetere quel piazzamento e migliorarlo, le cose però non sono andate come speravamo".

Da cosa è dipeso?

"Difficile dirlo ma a dicembre si è rotto qualcosa: le ragazze avrebbero voluto un cambio di guida tecnica, ma la società ha preferito lasciare partire quattro calciatrici arrivate in estate. Adesso con Ardito abbiamo vinto tutte e due le gare e nelle ultime quattro giornate vogliamo fare il massimo perché la mentalità della squadra è quella di cercare sempre la vittoria".

Avete già iniziato a programmare la prossima stagione?

"Ci stiamo pensando e la voglia è quella di far bene di nuovo. E’ in programma un incontro con i vertici del Cesena per far entrare la divisione femminile nella società. Stiamo ancora operando con la matricola del Castelvecchio e se entrassimo nel Cesena potrebbero cambiare tante cose anche il presidente".

Il calcio femminile è in crescita

"Sono nel calcio femminile da più di 30 anni e allora si andava a giocare su campi improponibili, adesso sono tutti omologati. La A dalla prossima stagione diventa un campionato professionistico, e poi adesso siamo più seguiti: domenica abbiamo giocato all’ “Orogel Stadium” e sono arrivati anche tifosi da Verona e poi ora siamo anche su canali sportivi con le partite in diretta".

E avete anche un settore giovanile

"Abbiamo le squadre under 16 e 17 alle finali nazionali, e da due anni la Battistini prodotto del nostro vivaio è alla Roma e la Bernardi la valuta la miglior 2005. In Italia la vogliono tutti".

Roberto Daltri

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?