Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Civitanova Marche, due nuovi locali vicini al Donoma

La zona della discoteca sempre più meta del divertimento. E rischiano di aumentare anche le proteste

di LORENA CELLINI
Ultimo aggiornamento il 20 settembre 2017 alle 07:41
Il bistrò in via Garibaki

Civitanova Marche (Macerata), 20 settembre 2017 – Due nuovi locali aperti a ridosso del Donoma. Sono sorti in corso Garibaldi, nel quadrilatero di influenza della discoteca. Si tratta di un pub e di un bistrò che vanno ad aggiungersi ad altre birrerie, gelaterie, ristoranti e bar che fanno da contorno al Sound Theater di via Mazzini, che con la sua presenza ha cambiato la fisonomia commerciale del rione, trasformato in una zona di movida. L’influenza del Donoma per la verità si estende anche oltre il comparto sud di piazza XX Settembre, perché le migliaia di persone che nelle serate clou invadono il locale e la città finiscono per distribuirsi e gonfiare i registratori di cassa dei locali di una più ampia zona centrale.

Il fatto che un pub abbia preso il posto, in corso Garibaldi, di quella che era una agenzia di lavoro interinale, e che stia per aprire i battenti una caffetteria-bistrò all’angolo tra corso Garibaldi e via Mazzini, in un locale che per anni era rimasto vuoto, la dice lunga sul boom di licenze per la somministrazione di alimenti e bevande registrato in un’area sempre più connotata come un divertimentificio. Un segno positivo per l’economia cittadina, ma non la penseranno allo stesso modo i residenti.

I locali sono sorti sotto, o accanto, alle case di chi ha firmato petizioni contro il Donoma e che ha condotto battaglie affinché il Comune adottasse provvedimenti restrittivi e penalizzanti per limitare i disagi causati dalla presenza del locale. Che, con la stagione autunnale riaprirà (è rimasto chiuso durante l’estate) e certamente si riproporranno i problemi di convivenza tra chi avita in quella zona e i clienti del Donoma che, dopo una serata trascorsa in discoteca, sciamano in strada senza badare troppo alle regole di civiltà. Quindi schiamazzi in strada, atti vandalici ai danni di auto e abitazioni, rumore a tutte le ore della notte. E l’apertura di nuovi locali pubblici non farà che richiamare sempre più gente nella zona, con l’offerta di aperitivi, birra o cena da consumare prima o dopo la serata discoteca.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.