Una ragazzina controllata con il termoscanner all’ingresso di una scuola (foto d’archivio)
Una ragazzina controllata con il termoscanner all’ingresso di una scuola (foto d’archivio)

Civitanova, 30 settembre 2020 - Una ragazzina di 12 anni che frequenta la scuola media Annibal Caro dell’Istituto comprensivo di via Ugo Bassi a Civitanova è risultata positiva al Covid-19. Domenica scorsa (il giorno prima era andata regolarmente a scuola) si era sentita poco bene ed aveva accusato sintomi sospetti. Così è stata sottoposta al tampone ed è rimasta a casa anche lunedì e ieri è arrivato l’esito – positivo – del tampone. Tutti i compagni di classe e dieci insegnanti sono stati posti in quarantena: saranno tutti sottoposti al test per accertare se sono stati contagiati o meno.

Leggi anche Coronavirus, bollettino del 29 settembre. Il Covid rialza la testa nelle Marche

Il Dipartimento di prevenzione dell’Area Vasta 3, che con grande impegno segue costantemente l’evolversi della situazione, ha avviato la procedura del caso, con un’indagine epidemiologica volta a rintracciare i cosiddetti contatti secondari, cioè persone con le quali la ragazzina può avere avuto contatti stretti fuori dalla scuola. È il terzo caso di positività in ambito scolastico dopo la ripresa delle lezioni. Una settimana fa c’è stato il primo, uno studente del fermano che frequenta il liceo "Leonardo da Vinci" di Civitanova, che aveva contratto l’infezione in ambito familiare. Tutti i compagni di classe sono poi risultati negativi al tampone, mentre sono in fase conclusiva le analisi sui 15 ragazzi fermani che hanno viaggiato con lui sul bus. Poi è stata la volta di un dipendente dell’Istituto Alberghiero di Cingoli che, però, non aveva contatti con gli studenti, tanto che gli accertamenti sono scattati solo per due suoi colleghi di lavoro. Una situazione che non sorprende e che, nel contempo, evidenzia come il nostro sistema di prevenzione sia in gradi di agire con tempestività.

 

Quanto all’andamento dell’epidemia, sono stati testati 1.540 tamponi: 859 nel percorso nuove diagnosi e 681 nel percorso guariti. I positivi sono 26 nel percorso nuove diagnosi: 13 in provincia di Ascoli, 7 in provincia di Ancona e 6 in provincia di Macerata. Questi casi comprendono 1 rientro dall’estero (Egitto), 12 soggetti sintomatici, 4 contatti in ambito domestico, 4 contatti stretti di casi positivi, 2 contatti rilevati in ambiente di vita e 3 casi in fase di verifica. In provincia, i casi sono riferiti a due residenti a Civitanova (un uomo e una donna), due a Porto Recanati, uno a Tolentino e uno ad Appignano. Stabile il numero delle persone in quarantena, passate da 286 a 287 (259 asintomatiche e 28 sintomatiche), 10 delle quali operatori sanitari.
 

A livello regionale stabile a 29 il numero dei ricoverati, tre dei quali (ieri erano quattro) in terapia intensiva. Cresce, ma poco, il numero dei guariti, da 6.154 a 6.161. In aumento i positivi in isolamento domiciliare, passati da 733 a 752, mentre risale il numero delle persone in quarantena, da 2.294 a 2.374 (80 in più). Scendono a 12 (6 in meno) gli ospiti nella struttura post Covid di Campofilone a Fermo. Dall’inizio dell’epidemia il numero dei positivi nelle Marche è di 7.932: 3.119 in provincia di Pesaro, 2.076 in quella di Ancona, 1.302 in quella di Macerata, 566 in quella di Fermo, 567 in quella di Ascoli e 302 residenti fuori regione.