Una sorridente Cristina Cesari, 25 anni, sulla neve che amava
Una sorridente Cristina Cesari, 25 anni, sulla neve che amava

Macerata, 15 febbraio 2020 - Il sorriso sempre impeccabile di Cristina Cesari era di quelli che non si dimenticano. E nessuno che abbia avuto la fortuna di incontrarlo può credere che quel sorriso dolce e magnetico si sia spento per sempre per illuminare il cielo. Cristina, che lavorava nella società di assicurazioni del padre a Civitanova, era una ragazza solare: "Emanava luce", dicono gli amici ancora increduli. Lei che era grande amante delle serate con gli amici nei locali e del divertimento sano. Amava viaggiare e lo faceva spesso, anche con la propria famiglia (il padre Carlo, la madre Lorella e il fratello Matteo) che adorava. Adorava il mare come la montagna e lo sci che le è stato fatale. Di certo nessuno avrebbe mai immaginato che questo fosse il suo ultimo viaggio.

LEGGI ANCHE Cristina Cesari morta sugli sci, donati gli organi. Funerali mercoledì

A Civitanova ma anche in provincia di Ancona a Jesi e Maiolati Spontini dove Cristina aveva amici e parenti l’incredulità si mischia al dolore più terribile. Ieri le persone a lei più vicine hanno raggiunto l’ospedale di Trento per portarle l’ultimo saluto e stare vicino ai familiari. Durante il viaggio c’è stato spazio solo per la domanda ripetuta come un mantra: "Ma com’è possibile che sia accaduto a lei?". Straziante il messaggio che il fratello Matteo ha affidato a Facebook: "Ti ho sempre protetta, ma questa volta non ci sono riuscito e impassibile ho assistito alla tua caduta... alla caduta di una Stella cometa. Non riesco a trovare le parole per dirti cosa sei stata per me. Ti ho sempre voluto bene, anche quando tu pensavi il contrario. Io per te c’ero e ci sarei stato sempre, in qualsiasi momento, sarei andato contro tutto e tutti pur di vederti felice. Avrei potuto dedicarti molto più tempo e adesso lo rimpiango con tutto il cuore. Cristina mia, darei tutto per far tornare indietro il tempo ed essere li, con te. E non appena ti fosse passato per la testa di farti quella dannata discesa, ti avrei fermato all’istante anche perché sapevo che eri un po’ stanca e quindi sarebbe stato rischioso ma purtroppo non c’ero e quindi non sono riuscito ad impedirlo. Quando ci rincontreremo lassù tutti e due, allora sì che ce la faremo la nostra sciatina".

«Sto pensando che la vita è un attimo – commenta Valentina dalla pagina Facebook di Cristina –, penso che oggi ci siamo e domani non si sa". "Ti ho sempre adorato come tutti – aggiunge Laura – eri bellissima, sempre sorridente, umile, emanavi luce ed energia. Probabilmente eri troppo per questo mondo mediocre. Riposa in Pace bellissima Cristina, sarai anche lassù l’angelo piú bello".