Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
30 apr 2022

Doccia fredda per i residenti: l’antenna sarà installata

Confronto con il sindaco: "Abbiamo portato in giunta il piano, ma in base alla normativa nazionale la richiesta della società di telefonia è legittima"

30 apr 2022
Affollata l’assemblea pubblica nel centro civico del rione IV Marine
Affollata l’assemblea pubblica nel centro civico del rione IV Marine
Affollata l’assemblea pubblica nel centro civico del rione IV Marine
Affollata l’assemblea pubblica nel centro civico del rione IV Marine
Affollata l’assemblea pubblica nel centro civico del rione IV Marine
Affollata l’assemblea pubblica nel centro civico del rione IV Marine

Il Comune non ha strumenti per fermare l’installazione dell’antenna della Iliad in via Caracciolo. L’assemblea pubblica che si è tenuta nel locale del centro civico del rione IV Marine, presenti una cinquantina di persone, e convocata per un confronto con il sindaco, non ha fornito elementi concreti per far sperare i residenti di poter fermare l’impianto. "Azioni insufficienti. Se non c’è un piano antenne comunale non è possibile motivare un no all’antenna" ha detto chiaramente l’avvocato Maurizio Nardozza, che per i residenti si sta occupando della vicenda. Da queste parti hanno raccolto già 500 firme per dire no alla Iliad. L’assemblea è stata organizzata da Mauro Gatti e Mauro Rogani, tra i residenti in prima linea per creare il fronte del no e un ponte con l’amministrazione per sondare l’iter e raggiungere l’obiettivo che dopo l’assemblea appare lontanissimo. Il sindaco Ciarapica ha detto: "Daremo battaglia. Abbiamo portato in giunta il piano antenne però deve essere chiaro che sulla base della normativa nazionale è legittima la richiesta della Iliad, ma sulla pratica manca ancora il parere dell’Arpam e poi dovrà arrivare quello del Comune. Per la legge del silenzio-assenso rispetto al rilascio del permesso a costruire abbiamo tempo fino al 22 maggio e risponderemo negando il via libera". Ma è un percorso che rischia di naufragare. L’assenza del piano antenne vanifica ogni azione del Comune che fin qui ha perso tutti i round in tribunale. All’assemblea sono intervenuti anche Giulio Silenzi e Francesco Micucci del Pd. "Il piano antenne - sottolineano - non c’è. Quello che la giunta approverà solo ora e in grave ritardo, perché affidato a fine 2019, è soltanto una bozza consegnata dal progettista incaricato".

Lorena Cellini

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?