Quotidiano Nazionale logo
8 mag 2022

"Forza Italia è una e sta con Ciarapica"

Secca risposta a Doria: "Lui ha preferito un’accozzaglia". Baioni: "Chi ci attacca vuole. passare per puritano ma non lo è"

Il senatore Francesco Battistoni, il commissario comunale Giannoni e il capogruppo consiliare Baioni ribadiscono la compattezza di Forza Italia
Il senatore Francesco Battistoni, il commissario comunale Giannoni e il capogruppo consiliare Baioni ribadiscono la compattezza di Forza Italia
Il senatore Francesco Battistoni, il commissario comunale Giannoni e il capogruppo consiliare Baioni ribadiscono la compattezza di Forza Italia

"Forza Italia è una e compatta a sostegno della lista del suo candidato Fabrizio Ciarapica. Abbiamo appena terminato di espletare le vicende burocratiche con le procure per la presentazione della lista, un gruppo capace e coeso con molta voglia di fare e ottimismo". E’ il senatore azzurro Francesco Battistoni, ieri in città, a rispondere ad Andrea Doria, tesserato di Forza Italia, ma supporter della candidata sindaco civica Silvia Squadroni che ha parlato di un partito spaccato, con una parte del suo elettorato pronto ad abbandonare Ciaeapica. "Sono dichiarazioni che lasciano il tempo che trovano" commentano i rappresentanti locali di Forza Italia, che inquadrano la posizione di Doria come "una scelta individuale, dettata da meri personalismi, che non spingerà mai i nostri elettori verso un’accozzaglia politica che si avvale del sostegno della sinistra e dei Cinque Stelle. La strategia dei nostri avversari è palese, inondare la cronaca con continue menzogne, ma non arriveranno a nessun risultato". Giuseppe Baioni, capogruppo consiliare, ribadisce: "Due Forza Italia esistono solo nella sua fantasia, la realtà è che i vertici del partito hanno ratificato a livello nazionale l’accordo per sostenere Ciarapica. Siamo quindi compatti". Baioni replica anche alle accuse dei favori agli amici: "Coloro ci attaccano su questo piano, attraverso una campagna elettorale basata sull’offesa e su slogan aggressivi, pretendono di passare per puritani ma non ci riescono perché tutti conoscono le loro relazioni presenti e passate. A parole si può cercare di ingannare ma la realtà si mostra per quel che è". "Le correnti politiche - conclude - ci sono sempre state e sempre ci saranno, ma si dovrebbero risolvere all’interno del partito. Purtroppo, chi ha manie di protagonismo preferisce scendere in piazza".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?