Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Otto lavoratori in nero nel ristorante, scatta una maxi multa

Civitanova: controlli della Finanza, società nel mirino

Ultimo aggiornamento il 29 agosto 2018 alle 11:14
I finanzieri della Compagnia di Civitanova hanno scoperto otto lavoratori in nero in un ristorante

Civitanova (Macerata), 29 agosto 2018 – I finanzieri della Compagnia di Civitanova, nell’ambito dei servizi di controllo del territorio, hanno individuato una società che gestisce un ristorante e uno stabilimento balneare, sul lungomare Piermanni, che impiegava otto lavoratori completamente in nero.

Al momento dell’intervento tutti e otto i lavoratori erano intenti a svolgere le mansioni all’interno del ristorante: camerieri, baristi e lavapiatti di età compresa tra 20 e 30 anni, di cui sei italiani, un albanese e un pakistano. Sei ragazzi e due ragazze.

Dai primi riscontri eseguiti dai finanzieri è subito emerso che 8 dei 35 lavoratori presenti erano sprovvisti del contratto di assunzione e della preventiva comunicazione agli enti preposti.

Per le situazioni di «lavoro nero» rilevate sono state avviate, da parte dei militari delle Fiamme Gialle, le procedure per l’irrogazione della maxi sanzione prevista dalla normativa, che va da un minimo di 1.500 a un massimo di 9.000 euro per ciascuna posizione irregolare.

Nei confronti della società che gestisce il ristorante e lo stabilimento balneare dovrà inoltre essere valutata l’applicazione della sanzione accessoria della chiusura dell’esercizio, in quanto il personale accertato in nero supera del 20% il personale impiegato al lavoro al momento dell’accesso.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.