Porto Recanati, 12 marzo 2018 - Torna a casa dal lavoro ma trova la finestra del balcone sfondata e tutti i cassetti dei mobili di casa aperti. L’ennesimo furto in appartamento è avvenuto sabato pomeriggio, a Porto Recanati, in viale Europa, dove sono stati trafugati soldi in contanti e preziosi per un totale di 4mila euro. Vittima dei ladri è stato l’ex assessore Attilio Fiaschetti, ora esponente di Alternativa Civica, che vive lì con la famiglia. «Sabato pomeriggio – racconta – sono uscito di casa, verso le 19.30, per andare a lavorare. Ma attorno alle 22.30 sono tornato dal lavoro, e visto che la mia famiglia stava a cena a casa di amici, volevo andare a casa a cambiarmi i vestiti velocemente e raggiungerli.

Però, appena entrato dentro casa, ho trovato tutti i cassetti aperti e la casa completamente a soqquadro. Qualcuno si era arrampicato nel balcone del mio appartamento che sta al secondo piano, e lì ha aperto la cassetta degli attrezzi che tengo fuori, e con un cacciavite in mano ha cercato prima di forzare una portafinestra. Ma la finestra ha resistito, così è stata presa di mira un’altra portafinestra che sta sempre nel balcone e, malgrado i vetri erano antisfondamento, è riuscito a bucare il vetro lo stesso ed è entrato». I ladri hanno così fatto razzia nella camera da letto, dove dorme l’uomo con la moglie e anche in quella della figlia. «I balordi – continua Fiaschetti – sono entrati e hanno messo a soqquadro la mia camera da letto, buttando i cassetti per terra, e rubando soldi in contanti e gioielli per circa 4mila euro. Non solo, è probabile che i ladri siano stati messi in fuga da mia madre che vive affianco alla mia abitazione. Lei, infatti, mi ha raccontato che verso le 20.30, vedendo le luci di casa accese e sapendo che eravamo fuori, è entrata dentro l’appartamento e ha spento tutto.

Quasi sicuramente i ladri sono fuggiti in quel momento. Dispiace perché hanno rubato tanti ricordi di famiglia ed è sempre brutto quando qualcuno va a violare la tua intimità. Questa ondata di furti in paese è preoccupante e noi cittadini non possiamo accettarla». Il furto è stato segnalato ai carabinieri di Porto Recanati che hanno avviato le indagini.