Il colpo è stato denunciato ai carabinieri: rubati soldi, due orologi e bigiotteria
Il colpo è stato denunciato ai carabinieri: rubati soldi, due orologi e bigiotteria

Porto Recanati, 9 agosto 2019 - ​Pulisce le scale di casa lasciando aperto il cancello della recinzione, e poi va nell’abitazione al piano terra a prendere una paletta per raccogliere la sporcizia. Ma nel frattempo qualcuno si intrufolano nel palazzo, e subito dopo entra furtivamente nell’appartamento al primo piano, arraffando soldi, orologi e bigiotteria. Un altro furto è avvenuto nei giorni scorsi nel centro di Porto Recanati. Nel mirino dei malviventi questa volta un’abitazione in via Bramante, dove vive una coppia di pensionati. A raccontarlo è Elena Mazzieri, figlia dei due anziani. «Lunedì verso le 13 – spiega la donna –, mia madre Rossella, che ha 69 anni, stava pulendo con la scopa le scale del palazzo dove vive con mio padre Franco. Nel farlo, ha aperto sia il cancello che le porte di ingresso dell’abitazione al piano terra e dell’altro appartamento al primo piano.

A un certo punto, dopo aver accatastato la sporcizia in vari punti, è andata a prendere una paletta. Così è entrata giusto cinque minuti nell’abitazione al piano terra per prendere l’attrezzo. Quindi ha raccolto il tutto». Poco dopo, però, l’amara sorpresa. «Finite le pulizie – riprende Mazzieri –, verso le 14.30, i miei genitori sono saliti nell’appartamento al primo piano. Ma una volta entrati, si sono accorti che il portafoglio di mia madre, appoggiato in sala, era stato svuotato dei 100 euro che c’erano all’interno. Non solo, i miei genitori sono poi entrati in camera da letto, e hanno notato che i due orologi da polso, dal valore di poche centinaia di euro, appoggiati sopra al comò erano spariti. Inoltre, nella camera vicina, nella quale dorme mia sorella Laura, non c’erano più due scatolette che contenevano diversi articoli di bigiotteria di scarso valore. Dei balordi mentre mia madre era andata al piano terra a prendere la paletta, hanno approfittato del portone lasciato aperto. Così sono entrati e si sono fiondati nell’appartamento al primo piano indisturbati, visto che la porta di ingresso era stata lasciata aperta da mia madre. E hanno fatto man bassa. La cosa strana è che nessuno si è accorto di niente, e i ladri probabilmente hanno fatto tutto in pochi istanti. Più che il furto in sé, che alla fine è stato misero, dà molta tristezza pensare che qualcuno ha violato la tua casa e pure la tua privacy». Il furto è stato denunciato ai carabinieri della stazione di Porto Recanati.