(foto di repertorio)
(foto di repertorio)

Civitanova Marche, 6 settembre 2018 – Si spaccia per notaio, dice a un anziano che una signora benestante gli ha lasciato in eredità 20mila euro, ma che per venire in possesso della somma lui deve pagare 882 euro a mezza vaglia postale. L’uomo, 74 anni, per sua sfortuna crede al presunto notaio, esegue l’operazione sborsando 882euro, ma poi si accorge di essere stato raggirato.

FOTO / Le tecniche più comuni delle truffe

ABBRACCIO

L’ennesima truffa a Civitanova è avvenuta il 4 settembre ed è stata poi denunciata ai carabinieri. La vittima è un signore che opera nel mondo del sociale. Raggiunto dalla telefonata dal falso notaio, gli ha creduto spinto anche dal fatto che i 20mila euro, su volere della presunta benefattrice, andavano poi versati a famiglie e persone in stato di necessità.

Il 74enne ha quindi pagato con il vaglia postale gli 882 euro, con la promessa che poi i 20mila euro gli sarebbero stati accreditati sul conto. Poi, però, si è ben presto accorto che questi soldi non sono mai arrivati. E così non gli è rimasto che andare dai carabinieri.

E' il secondo caso di truffa che prende di mira gli anziani: una signora è stata raggirata e convinta a consegnare i suoi gioielli a un finto avvocato che le ha raccontato che il figlio era nei guai