Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Civitanova, comitato 'No sottopasso' a Delrio: "Opera inutile"

Una delegazione a Treia dov’era presente il ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture

Ultimo aggiornamento il 10 luglio 2016 alle 00:47
Civitanova, la protesta del comitato 'No sottopass' a Treia (foto Calavita)

Civitanova Marche (Macerata), 10 luglio 2016 - «La nostra filosofia è realizzare opere utili». Lo diceva tempo fa il ministro ai Trasporti e alle Infrastrutture Graziano Delrio, e una delegazione del comitato civitanovese ‘No al sottopasso’ è arrivata fino a Treia, ieri mattina, per ricordarglielo.

Il ministro era infatti ospite della giornata conclusiva del seminario estivo 2016 della Fondazione Symbola, al teatro comunale treiese. In una protesta piuttosto silenziosa e pacifica, hanno atteso l’arrivo di Delrio con diversi cartelloni. Il pomo della discordia è il sottopassaggio sulla Statale 16 di Civitanova. «Non serve a nulla – sostengono – si devono trovare soluzioni alternative perché è un’opera dispendiosa, superflua e che causerà forti danni alle attività commerciali della zona, alcune delle quali già chiuse o in procinto di chiudere. Delrio ha dichiarato che la filosofia di questo governo è la realizzazione di opere utili. Siamo d’accordo e lo condividiamo. Il sottopassaggio non lo è – incalzano – si tratta piuttosto di un’operazione di marketing politico. Che se ne renda conto il ministro e faccia qualcosa».

Il comitato spiega anche che le condizioni in cui versa il traffico in quella zona sono a dir poco terribili: mancano parcheggi e i pedoni, nell’entrare o nell’uscire dal sottopassaggio, sono costretti a fare lo slalom tra le auto in corsa. «Ci sarebbero state delle alternative – precisano – come l’interramento di parte della linea ferroviaria oppure il trasferimento della stazione in zona commerciale, nei pressi della fiera e del Cuore Adriatico». Oltretutto, fa notare la delegazione, la riduzione dei tempi di chiusura del passaggio a livello contribuisce a rendere inutile l’opera pubblica.

Basta far funzionare meglio la centrale che regola il passaggio a livello e il sottopasso diventerebbe inutile e si risparmierebbero sei milioni di euro», sottolineano ancora i membri del comitato.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.