Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Crisi, gli artigiani vedono la luce. Macerata seconda in regione per nuove aziende

I dati di Confartigianato: saldo positivo nel terzo trimestre

Ultimo aggiornamento il 28 luglio 2016 alle 12:19
Renzo Leonori

Macerata, 28 luglio 2016 - Medaglia d’argento, dopo Ancona, per le imprese maceratesi nel secondo trimestre 2016: sulle 827 nuove aziende (industria, commercio e artigianato) di tutta la regione, tra le 2.649 nate e le 1.822 che hanno cessato l’attività, 247 sono spuntate nella provincia di Macerata. Zoomando però solo nel settore dell’artigianato ci sono state 179 nuove iscrizioni e 172 cessazioni, con un saldo positivo pari a + 7 imprese cui corrisponde un tasso di crescita dello 0,07%.

Tra i comparti più significativi: l’edilizia (+13 imprese, crescita +0,33%), dell’autoriparazione (+4 imprese, +0,37%), dell’abbigliamento (+2 imprese, +0,93%), dei servizi alla persona (+ 2 aziende, +0,38%), del tessile (+1 impresa, +1,40%), dei servizi alla ristorazione (+1 impresa, +0,27%); stazionario il comparto del mobile, mostrano invece segno meno: pelli e calzature (-5 imprese, -0,56%), trasporti (-3 aziende, - 0,34%), industrie alimentari (-1 imprese, -0,33%), legno (-1 azienda, -0,44%) e riparazione beni di uso personale (-1 impresa, -0,38%).

«In questo quadro abbastanza positivo – spiega il presidente provinciale di Confartigianato, Renzo Leonori – si debbono però registrare i dati relativi all’artigianato che mostrano ancora delle criticità. Nella nostra provincia i dati sono moderatamente incoraggianti, ma è da rilevare che è proprio l’artigianato il settore produttivo che continua a pagare il tributo maggiore alla crisi. In termini di produttività e fatturato, si registrano, in quelle aziende maggiormente votate all’export, i risultati migliori (ma situazioni critiche quali il protrarsi della crisi UE e di Ucraina-Russia, la «Brexit», la Turchia non fanno sperare niente di buono) mentre continuano a soffrire le piccole aziende che vivono esclusivamente di mercato interno».

«Bisogna considerare poi la difficoltà di accesso al credito – prosegue Leonori – : le Marche sono la seconda regione con la dinamica peggiore degli impieghi vivi alle imprese con meno di 20 addetti avendo fatto registrare, nell’aprile 2016 una variazione del -8,9% sull’anno precedente (la media nazionale è pari a – 5,9%). Ancor peggiore – conclude – è il dato riferibile alla nostra provincia, – 9,2%, al 104° posto della graduatoria nazionale».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.