Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Tassa rifiuti, il Consiglio vara lo sconto

Civitanova, Tari ridotta del 4%. Aumenti per i bed & breakfast

Ultimo aggiornamento il 23 maggio 2016 alle 18:34
Il consiglio comunale

Civitanova Marche (Macerata), 1 maggio 2016 – Cala la tassa sui rifiuti e il taglio quest’anno sarà del 4%. La riduzione è stata varata ieri dal Consiglio comunale con sedici voti favorevoli, anche quelli dei due esponenti del Movimento Cinque Stelle, mentre hanno votato contro il provvedimento i due consiglieri del centrodestra. «Anche quest’anno siamo riusciti con una politica di attenzione nel settore della raccolta e dello smaltimento a ridurre la tariffa del 4% sia per le abitazioni che per le attività commerciali, industriali e artigianali – ha sottolineato l’assessore alle finanze Giulio Silenzi –. Per il secondo anno consecutivo applichiamo un taglio alla Tari e adesso la riduzione complessiva sfiora il 10%. La nostra è una delle tariffe per metro quadro più bassa in regione tra Comuni della stessa tipologia di Civitanova».

Silenzi si è soffermato anche sui costi generali del capitolo rifiuti. «Il 2015 è stato il primo anno, dopo decenni di aumenti continui, in cui non sono cresciute le spese per lo smaltimento e la raccolta – ha detto ancora –. È un risultato concreto, non opinabile». La spesa l’anno scorso si è fermata a 7.753.000 euro e per quest’anno la previsione, ancora in calo, è di 7.590.000 euro, una diminuzione che dovrebbe essere innescata anche dall’estensione su tutto il territorio comunale dei sacchetti chippati di colore giallo (multimateriale).

Se si riesce a ridurre la Tari, però, è anche per il comportamento virtuoso tenuto dalle famiglie. «IL 94% delle civili abitazioni – ha rivelato l’assessore Silenzi – paga la tassa regolarmente, mentre l’evasione è più alta in altre categorie». E poi ha bacchettato chi si ostina a non differenziare i rifiuti in modo corretto. «Ci sono – ha lamentato Silenzi – attività rilevanti che non fanno la differenziata, ma questo non è un caso limite. Ce ne sono tanti altri e per questo abbiamo emesso una ordinanza per imporre il rispetto delle regole che non vuole essere punitiva, ma soltanto uno strumento per sensibilizzare anche i gestori dei locali pubblici». Nel dispositivo sulla Tari votato in Consiglio comunale è stato introdotto anche un incremento della tariffa per i bed & breakfast, i quali pagheranno circa sette euro in più all’anno rispetto alle abitazioni, la categoria di cui hanno fatto parte finora.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.