Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

«Sanità, piano inaccettabile. Pronto a dimettermi»

Duro attacco di Corvatta contro la Regione alla vigilia della conferenza dei sindaci

Ultimo aggiornamento il 29 giugno 2016 alle 20:02
Il sindaco Tommaso Corvatta

Civitanova, 29 giugno 2016 - «Il piano che ha in mente la Regione per la sanità e l’ospedale di Civitanovaeè la negazione di tutte le promesse fatte e non passerà». Il sindaco Tommaso Corvatta indossa i panni della rivolta e attacca il presidente Luca Ceriscioli.

Non lo nomina mai, ma è il presidente della Regione l’obiettivo dopo la definizione dei tagli su Civitanova con l’ospedale destinato a perdere ematologia, il primariato di pediatria e che si vede negata l’unità semplice di fisiatria. «Sono arrabbiato – sbotta Corvatta – perché nel piano di riordino della rete clinica, nel nostro ospedale e nell’Area vasta è prevista una dolorosa serie di tagli che sono il contrario delle promesse fatte e questo rende inaccettabile la proposta della Regione».

Alla vigilia della conferenza dei sindaci, che è stata convocata per domani sera e durante la quale verrà esaminato il documento, il messaggio è di chiusura al confronto: «In queste condizioni non è più possibile contrattare perché la negazione di quanto ci era stato assicurato è massima. Questo piano non passerà e se le cose restano così sono disponibile a restituire la fascia e non sarò il solo».

Lorena Cellini

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.