Quotidiano Nazionale logo
17 apr 2022

Anzani-Podrascanin: centrali con motivazioni opposte

Il biancorosso: "Domani dobbiamo vincere, la ricetta è giocare meglio". L’ex Lube: "L’anno scorso facemmo nostra solo la prima, stavolta sarà diverso"

andrea scoppa
Sport

di Andrea Scoppa

Pasqua in viaggio per la Lube che oggi raggiunge Trento dove domani giocherà il secondo atto di semifinale playoff. La serie è al meglio delle 5, tuttavia gara2 diventa thrilling per la difesa del tricolore. Dopo la sconfitta interna 0-3 di giovedì, il team di Blengini non può permettersi passi falsi, altro che gita di Pasquetta, servirà la reazione da campioni d’Italia. Pressione che si accumula ad altra pressione, quella per una stagione che non ha prodotto finora alcun trofeo è che è stata condizionata da una quantità eccezionale di acciacchi ed infortuni.

Anche domani (ore 18 e questa volta senza la diretta su Rai Sport) i biancorossi dovrebbero essere privi di Juantorena. Lo schiacciatore prima di gara1 ha visto tornare il dolore all’arco ascellare e ha svolto solo allenamenti in ricezione. Se fossimo ad ottobre non giocherebbe di sicuro, ma chissà che per una partita così decisiva nella stagione di Civitanova non si corra il rischio. Se non dovesse farcela si punterà ancora sul giovane Yant che giovedì purtroppo non è riuscito ripetere la prova sensazionale sfoderata al Mondiale e non ha brillato specialmente in ricezione. E’ lui la prima scelta, anche perché il più esperto Kovar, pure lui reduce da problemini fisici, giovedì non ha prodotto nulla di buono.

I tifosi, una quarantina al seguito, sognano di replicare la rimonta dello scorso anno quando, dopo aver perso gara1 all’Eurosuole Forum, la Lube schiantò Trento con 4 successi di fila a firma di un super Simon. Certo però che questa Itas è più forte. Gioca meglio di tutti e, dopo aver eliminato Perugia in Champions, ha acquisito più serenità e forza mentale. Alla vigilia hanno parlato due centrali, così Anzani: "La ricetta per vincere? Giocare meglio! Non sarà semplice con rivali quadrati e ordinati nei fondamentali. Ciò che è successo sul servizio di Podrascanin fotografa la stagione, quando andiamo in difficoltà fatichiamo a uscirne. Abbiamo comunque le capacità e le qualità per ribaltare il fattore campo e andare in finale. Noi ci crediamo seppur al cospetto del team più in forma del momento". L’ex Podrascanin: "Quello di gara1 è stato sicuramente un bell’exploit, ma anche nella scorsa edizione vincemmo quell’appuntamento in casa della Lube per poi perdere la serie senza più vedere palla. Vogliamo scrivere una storia differente e molto passa dalla partita di Pasquetta alla BLM Group Arena".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?