Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
15 apr 2022

La Lube inizia male, a Trento bastano tre set

Gara1 di semifinale scudetto, i biancorossi crollano all’Eurosuole: meno efficaci negli scambi chiave. Lunedì il secondo match con l’Itas

15 apr 2022

CUCINE LUBE

0

ITAS TRENTINO

3

CUCINE LUBE : Lucarelli 9, Zaytsev 15, Simon 13, De Cecco 1, Anzani 3, Yant 12, Balaso (L), Diamantini, Garcia 1, Kovar 1. N.E. Sottile, Marchisio, Juantorena, Jeroncic. All. Blengini.

ITAS TRENTINO: Kaziyski 16, Michieletto 8, Sbertoli 1, Lavia 9, Podrascanin 10, Lisinac 7, Zenger (L), Pinali, Cavuto, D’Heer. N.E. Coser, Albergati, Sperotto, De Angelis. All. LorenzettI.

Arbitri: Zanussi (Tv) e Cerra (Bo)

Parziali: 26-28 (28’), 20-25 (28’), 23-25 (30’)

Note: spettatori 3536; Lube battute sbagliate 16, ace 8, muri 3, ricezione 54% (perfetta 25%), attacco 51%; Itas bs 8, ace 4, muri 6, 54% (28%), 54%.

Finalmente si riempie l’Eurosuole Forum ma si svuota la Lube. I campioni d’Italia vengono trafitti 0-3 da Trento in gara1 di semifinale Scudetto. Era accaduta la stessa cosa l’anno scorso, ma stavolta l’Itas fa una maggior impressione, confermando di essere la squadra che gioca meglio e di avere più forza mentale adesso. La Lube paga l’importante ed ennesima defezione di Juantorena (sempre per il problema sotto la spalla) ma è giustificazione parziale per la prestazione. I biancorossi non sono piaciuti, più fallaci, specie dal secondo set, sono stati meno efficaci negli scambi chiave e quasi mai trovato continuità. Lunedì gara2 alle pendici delle Dolomiti e deve essere tutt’altro che una gita di Pasquetta.

Primo set. Trento riesce a portarsi 7-10 ma si andrà ben presto punto a punto, merito anche di Simon che piazza 2 muri determinanti. Faticano Zaytsev e Kaziyski, però il vecchio KK propizia il 19-21 con un intelligente attacco contro muro a tre. E’ Yant (710) a tenere i campioni d’Italia incollati ai rivali. Un’infrazione a rete di De Cecco dà il 23-24, l’ex Lucarelli annulla e manda ai vantaggi. L’attacco out di Yant decreta lo 0-1 gialloblù.

Secondo set. Dopo 9 errori di squadra nel primo parziale, il servizio di Lucarelli e 2 ace-bolidi di Simon producono il break 17-13. Tuttavia 2 sbagli consecutivi in ricezione di Yant riportano Trento a -1 e il muro di Lisinac su Zaytsev fa 19-19. La Lube

perde la bussola, Blengini mette Kovar per Yant ma questo significa meno attacco. Proprio gli errori di Jiri e dello "zar" (entra Garcia) ribaltano tutto e Kaziyski non ha pietà: 19-22 micidiale. L’ace di Lavia fa 0-2.

Terzo set. Blengini rimette i titolari, la Lube sbanda pericolosamente, in attacco non passa più e l’Itas se ne va 2-6. In qualche modo si resta a galla e con l’ennesimo ace di Simon è parità a 8. E’ ancora il servizio a caricare Civitanova, 2 ace di fila di Yant: 12-11. Ora è botta e risposta, poi nel finale sale in cattedra il maestro Kaziyski. Simon stavolta va lungo ed è 23-24, il muro dell’Mvp Kaziyski su Zaytsev sancisce il pesante blitz.

Andrea Scoppa

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?