Quotidiano Nazionale logo
14 apr 2022

La vittoria del Cus Cagliari apre le porte della retrocessione per la Feba

Feba

48

Cus Cagliari

52

FEBA : Rylichova 16, Bocola 13, Paoletti 11, Giacchetti 4, Trobbiani 2, Angeloni 2, Binci, Malintoppi, Severini. N.e. Pronkina, Armillotta e Grande. All. Carmenati-Melappioni.

CUS CAGLIARI: Prosperi 11, Gagliano 11, Striulli 8, Caldaro 6, Cecili 6, Ljubenovic 6, Saias 2, Madeddu 2, Puggioni. N.e. Piludu. All. Xaxa.

Arbitri: Antimiani di Montegranaro e Giardini di Ancona.

Parziali: 20-11, 33-25, 39-33, 48-52.

Una sconfitta, quella della Feba, che sa di retrocessione in serie B. Cedendo al Cus Cagliari nel convulso finale, le momò hanno perso probabilmente l’ultimo treno per la salvezza. La squadra è crollata more solito nel finale dopo aver giocato alla pari (e anche meglio) delle rivali. Ma, stavolta più che mai, le attenuanti non mancano considerando che si era appena riemersi da un focolaio-Covid con pochi allenamenti alle spalle e tanta "fiacca" da smaltire. La Feba ha giocato al massimo delle sue attuali possibilità, aggredendo subito le sarde e staccandole anche di 13 punti (26-13 al 12’). Perfetta nel 1° tempo la ceca Rylichova, con all’attivo metà del bottino-Feba. Nella ripresa le momò hanno segnato appena 3 canestri su azione in 20’, tamponando inizialmente l’emorragia con una difesa accanita che ha impedito alle ospiti di pareggiare il conto prima del 32’. La Feba non s’è disunita, reggendo il campo fino all’ultimo minuto malgrado perdurasse la sterilità offensiva. A due minuti e mezzo dalla sirena, col pivot sardo Ljubenovic fuori per falli e uno score ancora positivo (48-45 dopo un canestro della Bocola), si poteva ancora sperare. E invece la luce s’è spenta sotto i colpi della Striulli e della Gagliano. La Rylichova sbagliava tutto e la tripla della Paoletti, che poteva fruttare l’overtime, si stampava sul tabellone per i titoli di coda.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?