Quotidiano Nazionale logo
5 mag 2022

"Virtus, Gulini ha un altro passo"

Coach Schiavi sull’ultimo innesto: è rapido e reattivo, spero entri in fretta nei nostri meccanismi

mario pacetti
Sport

di Mario Pacetti

L’ingaggio di Gianmarco Gulini conferma la volontà della dirigenza della Virtus di provare a salvare la categoria. In assenza di pezzi da 90 disposti, cambiando squadra in extremis, a spendersi in sfide di retroguardia (i playout), la scelta di un giovane voglioso di mettersi in mostra e ben figurare ha una sua logica. Marco Schiavi spiega perché Gulini è compatibile col roster della Virtus: "Gianmarco – ha dichiarato il coach sangiorgese – è un giocatore rapido e reattivo, con un passo diverso da chi è già in rosa. E dunque è complementare agli altri nostri esterni Costa e Felicioni. Pur avendo solo 20 anni non è un ragazzo alle prime armi, avendo già maturato esperienze importanti a Fabriano. Sono perciò fiducioso sul fatto che, mancando poco alla fine dei giochi, sappia entrare in fretta nei nostri meccanismi". Quanto al play-guardia durantino, questa è la sua prima esternazione: "Nell’attuale fase della mia crescita personale – ha detto – era importante per me giocare di più, con compiti di responsabilità, in una squadra di serie B. In tal senso la Virtus mi è congeniale e, di conseguenza, l’approdo a Civitanova è stato naturale. Giocherò minuti importanti in partite che contano tanto". Nell’ultima gara disputata con la maglia della Ristropro Fabriano, domenica scorsa a Capo d’Orlando, Gulini ha giocato 23 minuti mettendo a segno 6 punti. Martedì ha effettuato il primo allenamento con i nuovi compagni. C’era pure Dessì, che quindi ha fugato definitivamente i timori sulla caviglia distortasi domenica a Teramo. Intanto sono state comunicate le date dei playout. Nel primo turno, al meglio delle 5 partite, si giocherà da domenica 15 maggio e potenzialmente fino al 25. La Virtus ospiterà l’avversaria (Jesi o Cesena) in gara3 ed eventualmente in gara4, venerdì 20 e domenica 22. In caso di sconfitta c’è da sperare nel ripescaggio delle 4 migliori perdenti (su 8), con riferimento al piazzamento nella regular season. Di questo quartetto, una sola squadra si salverà: quella che si aggiudicherà il concentramento previsto in campo neutro il 4-5 giugno.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?