Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
10 giu 2022

Virtus, il gm Pallotti è pronto a restare "Ma ora non voglio tirare a campare"

10 giu 2022

L’idea della Virtus è quella di aspettare luglio per l’eventuale ripescaggio in serie B senza entrare nell’asta che, per rilevare il titolo sportivo della Janus Fabriano, vedrà sicuramente protagoniste nei prossimi giorni la Sutor Montegranaro e l’Amatori Pescara. La settimana prossima il presidente Nicola Moretti s’incontrerà con i suoi più stretti collaboratori per cominciare a delineare la stagione 2022-23. Un personaggio chiave dell’ultimo biennio virtussino è stato il general manager Marco Pallotti (nella foto), uno dei più affermati nel suo ruolo. Non è certamente un caso se quest’anno la società, a differenza di quel che capitava spesso nel passato, ha chiuso i conti in linea col budget preventivato.

Ma resterà Pallotti o ha altre mire?

"A Civitanova sto benissimo – ha risposto il gm – e c’è un gran feeling col presidente, con Mario Tessitore che considero come un fratello e con gli altri del clan aquilotto. Io avrei voglia di restare. Ammesso, ovviamente, che la società abbia piacere di confermarmi. Debbo dire che gli ultimi anni sono stati tutti tribolati per me, prima a Porto Sant’Elpidio e poi a Civitanova. E tanto, tanto logoranti. A questo punto, per dire di sì, avrei bisogno di sposare un progetto intrigante. Non ne faccio una questione di budget economico per allestire una squadra chissà quanto forte. Ci debbono essere però obiettivi interessanti, magari pluriennali, che allontanino il rischio di una stagione in cui si tiri semplicemente a campare. Ecco, al presidente Moretti chiedo solo questo".

Il suo giudizio sul campionato appena concluso?

"Direi che abbiamo ottenuto il massimo del minimo. Nel senso che abbiamo portato a casa l’obiettivo minimo che ci eravamo prefissi: il terzultimo posto utile a evitare la retrocessione secca e a poterci qualificare dopo i playout al quadrangolare-salvezza e, in caso di discesa in C, il primo posto nel ranking da cui attingere per il ripescaggio. Ripescaggio che ci meriteremmo per la serietà, la professionalità e l’impegno che tutti (dirigenti, tecnici, giocatori, manager, staff sanitario) abbiamo profuso nell’intero arco stagionale".

Peccato per l’ultima sconfitta contro l’Oleggio...

"Abbiamo pagato lo sforzo fisico prodotto 24 ore prima per piegare il Cassino. E poi dobbiamo riconoscere che l’Oleggio aveva qualcosa in più di noi, a cominciare da quel paio di giocatori che, per qualità e personalità, hanno fatto la differenza".

Mario Pacetti

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?