Quotidiano Nazionale logo
13 apr 2022

Zorzi: "Trento favorita, ma la Lube ha tre assi"

Il pronostico dell’ex biancorosso sulla semifinale scudetto: "È bello vedere giocare i dolomitici, i civitanovesi hanno più esperienza"

Andrea Zorzi ha giocato dal 1996 al 1998 con la Lube
Andrea Zorzi ha giocato dal 1996 al 1998 con la Lube
Andrea Zorzi ha giocato dal 1996 al 1998 con la Lube

La SuperLega cala il suo poker migliore, le quattro grandi del nuovo millennio hanno riaffermato il loro status e da stasera scendono in campo per le semifinali Scudetto. Si comincia dal primo atto di una serie che potrebbe riservare sorprese e scintille tra Perugia e Modena. La Sir è la favorita, ma è reduce dallo schiaffo in Champions, finora Modena ha deluso ma ha tanti campioni e può battere chiunque. Domani alle 20.30 il via alla terza semifinale playoff di fila tra Civitanova e Trento e ne abbiamo parlato con un grande opposto del passato (anche azzurro) come Andrea Zorzi. Il pronostico dello "Zorro nazionale" pende verso i dolomitici.

Zorzi, domani i campioni d’Italia della Lube tornano all’Eurosuole Forum, lo faranno dopo 12 giorni, Trento ha giocato giovedì il ritorno della semifinale di Champions e domenica la "bella" dei quarti. Civitanova ha avuto il tempo per rimettere più in forma Juantorena ma può accusare un po’ di ruggine?

"La Lube è più anziana (ha l’età media più alta di tutte) ma i suoi assi potranno sopperire alla perdita del ritmo appunto con l’esperienza".

Gli ospiti avranno maggior ritmo o pagheranno la stanchezza per i due tie-break?

"Trento ha giocato tanto e speso parecchie energie, ma a parte Kaziyski ha una squadra abbastanza giovane. Inoltre vittorie così gratificanti possono cancellare tutto il resto".

L’Itas arriva al match gasata, mentre i biancorossi con più pressioni dopo aver steccato nelle altre competizioni?

"Alla Lube avere pressioni è la normalità da 20 anni, semmai il problema sono stati gli infortuni. In più Civitanova non ha avuto tante occasioni di giocare partite di altissimo livello, in gare combattutissime in eventi molto importanti. La mancanza dell’abitudine a giocare così per lunghi periodi può giocare un brutto scherzo. Di certo ora i segnali sono pro Trento, non pensavo potesse eliminare Perugia in Europa. Hanno entusiasmo e giocano bene".

Quindi come finisce la serie?

"Credo che possa spuntarla Trento".

Ah…e dei due tridenti di attaccanti, quale preferisce?

"Ora veder giocare Trento è un piacere. La Lube ha tutte le potenzialità per fare meglio con i suoi tre martelli, il problema è che non lo hanno potuto fare con continuità".

Un commento sugli "infiniti" Kaziyski e Juantorena?

"Atleti che hanno segnato almeno un decennio del volley mondiale. Osmany è il modello a cui si ispirano in tanti, ha armonia, è elastico, se Dio avesse voluto creare un pallavolista lo avrebbe fatto così. KK è più costruito, ma stupisce il rendimento che continua ad avere e non a caso il coach e i compagni lo ringraziamo per la professionalità".

Lucarelli, fresco ex, è in scadenza di contratto. La Lube dovrebbe tenerselo stretto?

"Per me è tra i 3-4 schiacciatori più forti al mondo e andrebbe confermato da Civitanova".

Andrea Scoppa

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?