Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
il Resto del Carlino logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
21 gen 2022
Commento

L’impossibile elogio del mezzo del futuro

beppe boni

Vorrei, ma non posso. Vorrei fare l’elogio del monopattino, un mezzo agile, veloce, adatto per tutte (  quasi) le età, capace di battere biciclette e scooter nello slalom speciale del traffico cittadino, perfetto per arrivare ovunque nella giungla urbana. Eppure l’elogio non è possibile, perchè questo surf da città è diventato l’incubo degli automobilisti e perchè gli aspetti che ne fanno un mezzo innovativo sono superati o almeno bilanciati dall’allarme che provocano. I monopattini elettrici sfrecciano ovunque, schizzano su vie e marciapiedi sbucando come scoiattoli all’improvviso perchè poco visibili. E di sera sono mine vaganti.

Le luci di posizione, quasi sempre insufficienti, contano poco o nulla soprattutto nelle strade padane dove è tornata la nebbia. Il guizzo notturno è sempre pericolosamente in agguato. Le nuove regole non hanno risolto granchè. Più o meno è tutto come prima, è cambiato poco per garantire una maggior sicurezza sulla strada sia per i piloti del monopattino sia per gli altri automezzi. Cambiamenti, dunque, tutt’altro che rivoluzionari, serviva un intervento chirurgico e invece è arrivata un’aspirina.

No all’obbligo del casco e diminuzione da 25 a 20 chilometri orari e 6 nelle aree pedonali, niente frecce se non per i veicoli di nuova generazione e assicurazione obbligatori solo per il noleggio. Poi i controlli. Sono pochi e generalmente non in agenda da parte di chi deve occuparsene. Risultato finale: il monopattino va e l’incubo resta.

© Riproduzione riservata

beppe boni