Rocca d'Ajello, sulle colline di Camerino, è uno dei luoghi Fai da non perdere
Rocca d'Ajello, sulle colline di Camerino, è uno dei luoghi Fai da non perdere

Ancona, 8 ottobre 2019 - «Sempre caro mi fu quest’ermo colle…»: è dedicata proprio al colle dell’Infinito leopardiano, a duecento anni dalla stesura di quell’idillio che resta fra i più amati della poesia italiana di tutti i tempi, l’edizione 2019 delle Giornate Fai d’autunno, in programma il prossimo fine settimana. Sabato 12 e domenica 13 ottobre, a Recanati (Macerata) come in 260 località italiane, il Fondo per l’ambiente italiano aprirà al pubblico più di settecento luoghi abbandonati o poco valorizzati, per far sì che siano riscoperti con occhi nuovi e da punti di vista differenti.

L’iniziativa, che ha sempre visto i giovani volontari del Fai in prima linea nell’organizzazione delle visite guidate, ha voluto infatti omaggiare il giovane Leopardi, che scrisse l’Infinito all’età di soli ventuno anni. E proprio dall’antico orto-giardino in cima al celebre colle - rimasto per decenni in stato di abbandono e riaperto dopo una massiccia opera di “recupero filologico”, progettata dal Fai e sostenuta da numerose aziende del territorio - inizierà un percorso multimediale “dentro la poesia”. Un racconto intenso e coinvolgente, in cinque atti, affidato alle voci degli attori Lella Costa e Massimo Popolizio.

Leggi anche I luoghi aperti in Emilia Romagna

Ma non c’è solo l'Orto sul colle dell’Infinito tra le aperture consigliate dal Fai in tutta la regione: sono 43, complessivamente, i luoghi da non perdere. Tra palazzi, chiese, castelli, giardini, siti archeologici, architetture industriali, botteghe artigiane e borghi dimenticati, ce n’è per tutti i gusti. A Urbino, capitale del Rinascimento italiano, il Fai propone un percorso alla scoperta dell’incisione, uno degli aspetti più vivi e meno noti dell’attività artistica di questa città. L’itinerario ha inizio dalla visita alla casa natale di uno dei cittadini urbinati più illustri: quel Raffaello Sanzio, autore di capolavori come lo Sposalizio della Vergine e la Madonna del Cardellino, che è tuttora considerato uno dei maggiori pittori e architetti dell’arte italiana. Altre tappe del percorso sono Palazzo Viviani, al cui interno è presente un’interessante collezione di opere e disegni, e l’ex Convento dei Carmelitani scalzi, sede dell’Accademia Belle Arti di Urbino.

Nella vicina Pesaro, invece, protagonista sarà la musica: l’itinerario denominato “Avventure e misteri nella Pesaro musicale tra ‘500 e ‘700” farà conoscere vita e opere di alcuni musicisti legati alla città e noti sul panorama internazionale, come Vincenzo Pellegrini, Eustachio Bambini, Piero Pace. A Camerino (Macerata), sarà aperta in via eccezionale la zona rossa del centro storico, dove sono ancora ben evidenti i segni del terremoto del 2016: da qui prenderà il via un itinerario alla scoperta dell’Archivio di Stato, in cui sono conservati importanti documenti sulla storia della città. La visita proseguirà poi con una sosta alla splendida Rocca d’Ajello, che domina le colline circostanti, e si concluderà all’Orto botanico “Carmela Cortini”, dell’Università di Camerino.


Tredici le destinazioni da vedere ad Ancona e dintorni: spiccano il Museo tessile “La Congrega”; il sito archeologico dell’antica città romana di Suasa, nella valle del Cesano; e l’itinerario “Assaggi d’Autunno”, che consentirà di conoscere l’antica tradizione olearia di Monte San Vito. Per i più golosi è previsto anche un momento di degustazione dell’olio nuovo, assieme all’esperta Francesca Petrini, all’interno del frantoio storico. A proposito di profumi preziosi, è bene mettere in agenda anche la visita all’antica Spezieria della Santa Casa di Loreto, che custodisce una collezione di vasi e maioliche per unguenti e medicamenti.

Sono sette, infine, i luoghi Fai nel territorio di Fermo e tre ad Ascoli Piceno: qui, in particolare, si propone un itinerario alla scoperta dei mulini, pittoresche costruzioni adiacenti a cascate e torrenti della zona.

Giornate Fai di autunno 2019, i tesori da scoprire il 12 e 13 ottobre nelle Marche. L'elenco completo